La strategia del PAM in Mozambico per le vittime dei cicloni Idai e Kenneth

In collaborazione con The European Commission
La strategia del PAM in Mozambico per le vittime dei cicloni Idai e Kenneth
Diritti d'autore euronews
Di Monica Pinna
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Mozambico tenta di tornare alla normalità dopo la tragedia dei cicloni. Il racconto di Karin Manente, Direttore del Programma Alimentare Mondiale nel Paese

PUBBLICITÀ

Distribuzioni alimentari, voucher e "Assistenza in cambio di beni", cosí il PAM in Mozambico sostiene le vittime di  Idai

Quasi un anno fa il Mozambico è stato devastato da due cicloni estremamente violenti: Idai, che ha colpito la zona centro-orientale e  Kenneth, che si è accanito contro la parte settentrionale del Paese. Ora, grazie agli aiuti internazionali e all'Unione europea, la popolazione si sta lentamente rialzando.

Questo il racconto di Karin Manente, Direttore del Programma alimentare mondiale (WFP) in Mozambico. "Il primo giorno è stato impossibile intervenire, tutto era inaccessibile, ma il giorno due, tre, quattro eravamo già attivi sul terreno. Avevamo già predisposto cibo e aerei, il che ci ha consentito di intervenire rapidamente su larga scala.

Abbiamo sostenuto circa un milione e duecento mila persone in sei settimane con assitenza alimentare. Per la maggior parte si è trattato di aiuti materiali che avevamo acquistato localmente. Abbiamo anche distribuito dei voucher in modo che i residenti potessero approvvigionarsi nei negozi che stavano già riaprendo.

Qui ad esempio, vedete degli evacuati che abbiamo ricollocato da zone limitrofe ad alto rischio inondazione. Questo sito per sfollati non è lontano da dove abitavano prima, ma questa zona è più in alto e quindi è più sicura.

Alla mattina gli sfollati ritornano nei loro campi per coltivare, e poi rientrano in questa zona che è piú sicura per loro e per le loro famiglie.

Sono circa 2000 le persone assistite qui a Ndedja. Siamo nella provincia di Sofala, quella più colpita dal ciclone IDAI. A Sofala stiamo sostenendo un totale di circa mezzo milione di persone.

Il nostro intervento prevede anche il programma “assistenza in cambio di beni”. Incoraggiamo i residenti a recuperare quello che hanno perso, come le strade che portano ai mercati, le infrastrutture locali, una nuova scuola, nuove abitazioni. Questo genere di infrastrutture aiuterà le vittime del ciclone a riprendersi. Questo tipo di programma è un po' più difficile da mettere in pratica qui, perché le persone sono state trasferite, ma in altre zone possiamo fare di più. Questo genere di programma è importante per il loro recupero a piú lungo termine. Quindi agiamo su cibo, beni e lavoro".

Condividi questo articolo