ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: controlli in Europa. Pechino: "La capacità di diffusione si sta rafforzando"

euronews_icons_loading
Coronavirus: controlli in Europa. Pechino: "La capacità di diffusione si sta rafforzando"
Diritti d'autore  ABDUL QODIR / AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

I tre pazienti, ricoverati negli ospedali di Parigi e Bordeaux, restano per ora gli unici casi confermati del nuovo coronavirus in Europa, che ha già ucciso almeno 56 persone in Cina e ne ha infettate circa 2000 - la maggior parte a Wuhan e nello Hubei che circonda la città. I francesi residenti nel Paese asiatico dovrebbero essere rimpatriati la prossima settimana, come hanno già deciso di fare gli americani (il volo charter dovrebbe lasciare l'aeroporto di Wuhan martedì, direzione San Francisco). E' quanto annunciato dalla ministra della Sanità francese, Agnès Buzyn, che ha anche aggiunto che non c'è bisogno di misure profilattiche a livello nazionale e che le persone che presentano sintomi all'arrivo, ricevono un trattamento specifico. "Ogni persona che torna dalla Cina con i sintomi viene controllata e le vengono fatte delle raccomandazioni", ha spiegato Buzyn. "Per il pubblico in generale, non c'è motivo di indossare una mascherina. La mascherina blu non offre alcuna protezione".

Controlli in Europa, ma più blandi che in Cina

Ma se le autorità in Cina e Russia testano, in modo quasi aggressivo, attraverso dei radar la temperatura dei viaggiatori - negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie, ma anche a bordo degli aerei all'arrivo - non è così nel principale scalo parigino "Charles de Gaulle", come spiega un francese residente nel Paese asiatico. "Quando siamo arrivati c'erano diversi medici, che cercavano di capire se avessimo la febbre o se ci fosse qualcosa che non andava. In ogni caso non c'è stato nessun controllo specifico. Io potrei essere un portatore del virus e potrei essere in grado di trasmettervelo, ma non ne ho assolutamente idea".

Di fronte alla minaccia di un'epidemia, le autorità locali di diversi Paesi europei, per evitare raduni di massa, hanno deciso di annullare le tradizionali celebrazioni del Capodanno lunare. Come a Bordeaux, Parigi, Milano e Roma. Ma non a Madrid, dove la parata si è svolta regolarmente.

AP Photo/Paul White
La sfilata del Capodanno cinese a MadridAP Photo/Paul WhitePaul White

La capacità di diffusione del virus si sta rafforzando

Intanto in Cina, sabato sera il presidente Xi Jinping aveva detto che la diffusione del virus accelerava e che la situazione era grave. Questa domenica, durante una conferenza stampa, Ma Xiaowe, ministro della Commissione sanitaria nazionale di Pechino, ha chiarito alcuni punti sulla diffusione del virus: "Ci appare che la capacità di diffusione si stia rafforzando. Il periodo di incubazione può variare tra 1 e 14 giorni e questo coronavirus si trasmette anche durante l’incubazione, diversamente da quello della Sars.

Prosegue la "quarantena" imposta a 16 città dello Hubei, che coinvolge 56 milioni di persone. Wuhan, focolaio del virus, sta costruendo un secondo ospedale, che dovrebbe essere pronto entro due settimane. Da questa domenica nella città da 11 milioni di abitanti, non possono più circolare le vetture private in centro, se non per "ragioni essenziali". Nel frattempo, le autorità hanno vietato - temporanemante - in tutta la Cina il commercio di animali selvatici, in mercati, supermarket, ristoranti e piattaforme online.

Annullate le celebrazioni per il Capodanno lunare, chiusi fino a nuovo ordine alcuni luoghi turistici - come la stazione dell'alta velocità nello Hubei, la Città Proibita di Pechino, Disneyland a Shanghai - Pechino ha ordinato alle agenzie di viaggio di bloccare i tour di gruppo all'interno dell'Paese e all’estero. Le scuole della capitale, inoltre, resteranno chiuse anche dopo la fine delle vacanze. La situazione è tesa anche a Hong Kong. Dopo l'annullamento della maratona e lo stato di emergenza dichiarato dalla governatrice Carrie Lam, dei manifestanti hanno lanciato delle bombe molotov contro delle case popolari, che erano destinate a diventare una zona di quarantena temporanea, per coloro che arrivavano dalla provincia dello Hubei.

AP Photo/Fu Ting
Impiegato di Disneyland Shanghai, davanti ai cancelli del parco divertimentiAP Photo/Fu Ting