EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Cina: 9 morti e 440 casi di Coronavirus, primo contagio a Macao

Cina: 9 morti e 440 casi di Coronavirus, primo contagio a Macao
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Cristiano Tassinari Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nuovi allarmi e nuove misure di sicurezza in Asia e in tutto il mondo per l'epidemia di Coronavirus che si è diffusa in Cina. Aumenta il numero dei morti (ora 9) e i casi di contagio (oltre 440). Secondo le autorità sanitarie cinesi, "il virus è destinato a diffondersi ulteriormente".

PUBBLICITÀ

Allarme sicurezza contro il Coronavirus.

Martedì numerosi i paesi asiatici hanno intensificato le misure per bloccare la diffusione del virus, poiché il numero di morti in Cina è salito a nove e il numero di casi ha superato i 440.

Tutti i decessi sono avvenuti nella provincia di Hubei, dove si trova Wuhan, la città cinese in cui alla fine di dicembre sono state segnalati i primi contagi da Coronavirus, che attacca in particolare le vie respiratorie.

Le autorità sanitarie cinesi hanno avvertito che il virus potrebbe mutare e diffondersi ulteriormente. 

Ultim'ora: primo caso a Macao

La regione semi-autonoma cinese di Macao ha annunciato il primo caso accertato del Coronavirus e ha ordinato a tutti gli impiegati dei suoi casinò di indossare una maschera per arginare l'epidemia.

Unica area in tutta la Cina in cui è consentito il gioco d'azzardo, l'ex colonia portoghese attira ogni anno milioni di turisti dalla Cina continentale. E con l'inizio di una vacanza lunare di Capodanno in pochi giorni, la città situata sull'estuario del fiume Pearl si sta preparando a un grande afflusso di visitatori.

Il primo caso accertato del virus a Macao ha riguardato una imprenditrice di 52 anni arrivata domenica in treno dalla vicina città di Zhuhai.

"Una serie di test ha dimostrato che era positiva al Coronavirus e che aveva sintomi di polmonite".
Lei Chin-lon
Capo Dipartimento della Salute di Macao

Casi di contagio anche in altri paesi

Giappone, Corea del Sud e Australia hanno già confermato un caso, la Thailandia tre.
Anche Stati Uniti e Taiwan hanno annunciato la presenza di un caso di Coronavirus sul loro territorio.

Ci sono evidenti preoccupazioni per un'epidemia globale simile alla SARS, un altro Coronavirus che si diffuse dalla Cina in più di una dozzina di paesi tra il 2002 e il 2003: causò 813 decessi e 8.437 contagi in una trentina di Paesi (anche in Italia si registrarono quattro casi, non mortali).

"Il 30 dicembre, la Cina ha segnalato un'epidemia a Wuhan.
Siamo molto preoccupati per questo, perché si tratta di un nuovo Coronavirus e di una malattia che non abbiamo mai visto prima".
Nancy Messonnier
Direttrice del Centro Nazionale Usa per l'immunizzazione e le malattie respiratorie

Controlli in tutto il mondo, soprattutto negli aeroporti

Numerosi paesi nel mondo (anche l'Italia, all'aeroporto di Fiumicino) hanno già adottato misure di screening per i viaggiatori provenienti dalla Cina, specialmente per quelli che arrivano da Wuhan.

Le preoccupazioni sono accresciute dall'arrivo della festività del Capodanno lunare, quando milioni di cinesi viaggiano in patria e all'estero.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina: scoppia una nuova epidemia di polmonite virale

Focolai di polmonite in Cina. L'Oms rassicura: "Nessun nuovo patogeno"

Salute: una persona su otto convive con l'obesità