Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Trump: "jihadisti in fuga scapperanno in Europa"

Trump: "jihadisti in fuga scapperanno in Europa"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Le forze curde si ritirano dai centri di detenzione per concentrarsi sul fronte e gli Stati Uniti prendono in consegna una quarantina di jihadisti, considerati tra i più pericolosi. Tra loro anche i cosiddetti "Beatles", chiamati così per il loro accento britannico. Per tutti quelli in fuga, il Presidente Trump non si preoccupa:

"Scapperanno in Europa. È lì che vogliono andare. Vogliono tornare a casa loro - ha detto Donald Trump - Ma l'Europa non li ha voluti quando volevamo consegnarglieli. Avrebbero potuto processarli, avrebbero potuto fare quello che volevano. Ma come al solito non sono d'accordo".

La Germania teme "il rischio di resuscitare" l'Isis, una preoccupazione condivisa dai partner europei e da Bruxelles: "L'azione militare minerà la sicurezza dei partner locali della coalizione, vale a dire le forze curde, e rischia di provocare una prolungata instabilità nel nord-est della Siria, fornendo terreno fertile per la rinascita di Daesh - sostiene l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri, Federica Mogherini - Non dimentichiamo che Daesh rimane ancora una minaccia significativa per la sicurezza regionale, internazionale ed europea".

Migliaia di combattenti del sedicente Stato islamico sono stati catturati in Siria dai curdi, la Casa Bianca vuole portare i due Beatles negli Stati Uniti per processarli, ma nell'immediato potrebbero essere trasferiti in Iraq.