Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Olympique Lyonnais: esonerato Sylvinho

Olympique Lyonnais: esonerato Sylvinho
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

L'era-Sylvinho è durata poco più di quattro mesi.

Il Presidente del Lione, Jean-Michel Aulas, lo ha licenziato all'indomani della sconfitta (1-0) nel derby con il St.Etienne, ennesimo tracollo di una stagione iniziata sotto i peggiori auspici per il Lione, attualmente con un solo punto in più rispetto all'ultima in classifica.

In 32 anni di presidenza-Aulas, è "soltanto" il quinto allenatore esonerato dal Lione: in precedenza era toccato a Robert Nouzaret (1987), Dennis Papas (1988), Guy Stéphan (1997) e Hubert Fournier (2015).

Numeri da brivido

Il Lione "do Brasil" della coppia Juninho-Sylvinho (con l'ex Pernambucano assunto a furor di popolo come Direttore Sportivo plenipotenziario) non si è mai visto, rattristato da numeri da brivido: quattro sconfitte in cinque partite durante la preparazione estiva (anche con il Genoa, 3-4), 9 punti in 9 partite in Ligue1 (ma non vince dalla seconda giornata, 6-0 all'Angers), 4 punti in due partite nel girone di Champions League, confortato dalla vittoria - seppur episodica - sul campo del Lipsia (2-0).

L'ultima effimera vittoria di Sylvinho: 2-0 in Champions League a Lipsia.

Nonostante Dembelè e Depay

Un autentico fallimento per Sylvinho (45 anni), alla prima esperienza da capo-allenatore dopo tanti anni da assistente in Brasile e all'Inter con Mancini: non ha mai dato l'impressione di avere in mano il gioco della la squadra - peraltra indebolita dalle tante "ricche" cessioni estive -, nonostante avesse a disposizione un eccellente potenziale offensivo, con il francese Moussa Dembélé e l'olandese Memphis Depay.

Tocca a Laurent Blanc?

È un fallimento anche per Juninho: lui resta in carica, ma sa che ora non può più sbagliare. A cominciare dalla scelta del prossimo allenatore.
Chi sarà? Tutti gli indizi portano verso Laurent Blanc. Un "usato sicuro" da un po' fuori dal giro che conta, ma che sarebbe ben felice di rientrarci.
Altri papabili: Rudi Garcia, Remi Garde, Marcelo Gallardo, persino Jorge Sampaoli...