ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Maduro sulla "via della seta"

euronews_icons_loading
Maduro sulla "via della seta"
Dimensioni di testo Aa Aa

La "via della seta cinese" prende sempre più la direzione di Caracas.

Gigantesca operazione-simpatia del venezuelano Nicolas Maduro che in un'intervista alla rete cinese CCTV, ha reiterato la vicinanza del suo paese a Pechino.

La Cina è esposta per miliardi di euro verso Caracas che non avendo valuta con cui pagare, offre contratti di sfruttamento vidimati dall'assemblea costituente chavista e non dal parlamento. Qualcosa che l'Organizzazione Mondiale per il commercio ha già denunciato. Sono contratti nulli a livello internazionale.

Così Maduro: "Venezuela è stata fra i primi paese latinoamericani a unirsi a questa iniziativa che porterà benefici ai paesi dell'area. È stato un successo in Asia e ha unito il continente all'Europa. È un'idea vincente che farà prosperare l'economia mondiale".

Ma le cose non sono così semplici. Pechino vuole rientrare dei debiti e si pone da tempo domande sul fatto di continuare ad appoggiare o meno il chavismo ormai inviso a gran parte della popolazione. Da qui sono scaturiti vari abboccamenti anche con l'opposizione di Juan Guaidò che, per ora però, appare troppo debole e divisa per essere considerata un valido interlocutore da Pechino