EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Onu bacchetta Parigi per la questione dei jihadisti francesi

L'Onu bacchetta Parigi per la questione dei jihadisti francesi
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Agnes Callamard ha denunciato, in particolare, il trasferimento, a fine gennaio, di tredici jihadisti con passaporto francese dal Kurdistan siriano all'Iraq, dove sono poi stati condannati a morte.

PUBBLICITÀ

L'Onu critica il trattamento dei jihadisti con passaporto francese da parte delle autorità di Parigi. A prendere l'iniziativa la relatrice speciale Onu per le esecuzioni extragiudiziarie, sommarie o arbitrarie, Agnes Callamard che in una missiva di sei pagine denuncia, in particolare, il trasferimento, a fine gennaio, di tredici jihadisti con passaporto francese dal Kurdistan siriano all'Iraq, dove sono poi stati condannati a morte. Poi a Le Figaro spiega: Il documento presenta dei fatti studiati e analizzati a proposito di azioni francesi che possono aver violato i diritto umani e le convenzioni internazionali".

"E' una questione d'onore per il nostro Paese spiega un avvocato francese - . Il nostro Paese è stato in prima fila per l'abolizione della pena di morte sin dal discorso storico di Robert Badinter all'assemblea nazionale. Noi abbiamo iscritto l'abolizione nella nostra costituzione, è un onore per il nostro paese e questo onore deve essere rispettato in tutto il mondo"

Centinaia di stranieri sono stati condannati a morte o all'ergastolo in Iraq per la loro appartenenza al gruppo jihadista del cosiddetto Stato Islamico. Tra questi, 11 francesi sono stati condannati a morte e tre all'egrastolo

La scorsa settimana, il primo ministro iracheno Adel Abdel Mahdi ha dichiarato che il suo governo non aveva il potere di ridurre le sentenze di jihadisti stranieri condannati a morte.

Gli 11 cittadini francesi condannati all'inizio di giugno erano stati trasferiti in Iraq dalle forze curde in Siria.

La Francia e altri paesi europei sono particolarmente riluttanti a recuperare i propri cittadini sospettati di aderire all'IS.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le rotte a senso unico verso la guerra santa dei jihadisti francesi

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Olimpiadi di Parigi, allestito il più grande campo militare per garantire la sicurezza