Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Serbia nell'Ue, cosa ne pensano i serbi?

Serbia nell'Ue, cosa ne pensano i serbi?
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Alla vigilia del vertice sui Balcani occidentali Euronews ha chiesto alla gente di Kanjza, un comune serbo di 25 mila abitanti in prevalenza di origine ungherese, cosa pensa dell'ingresso della Serbia nell'Unione Europea. Per molti significherebbe salari piu' alti e, soprattutto, qualche chance in piu' per i giovani che, altrimenti lascerebbero il Paese in cerca di un futuro migliore.

L'inviato di Euronews Károly Szilágyi, spiega come il problema piu' grande "per le persone che vivono sul lato serbo del confine è che se vogliono raggiungere la città più vicina, Szeged in Ungheria, devono fare la fila per diverse ore qui al valico di frontiera di Horgos".

Quest'uomo vive sul lato ungherese del confine, ma ogni giorno lo attraversa per andare a lavorare: "Sarebbe molto meglio per i clienti - spiega - perché trasferire denaro dalla Serbia all'Ungheria costa una fortuna. Se la Serbia fosse un membro dell'Unione europea, sarebbe molto più economico., e più facile. ”

Ci racconta che al confine a volte si aspettano anche 4 o 5 ore in fila. E se la Serbia fosse nell'Unione Europea sarebbe tutto molto piu' veloce. Ma per qualcun altro l'adesione significherebbe anche e soprattutto salari piu' alti. Lo sostiene quest'uomo, impiegato anche lui in una ditta in Ungheria: "Lavoro lì solo per i soldi, i salari fuori di qui sono alti il doppio del salario medio qui. Potrei rinunciare ad avere un appartamento li e viaggerei ogni giorno. sarebbe molto piu' facile".