Grecia: il lago Karla torna in vita

Il lago Karla, in Tessaglia, Grecia
Il lago Karla, in Tessaglia, Grecia
Dimensioni di testo Aa Aa

Un tempo fonte di ispirazione per poeti e scrittori antichi, il lago Karla, in Tessaglia, è unico nel suo genere per bellezza e biodiversità. Ma quello che vediamo oggi, non è sempre stato li. Completamente drenato negli anni 60 per far posto a campi da coltivare, oggi il lago è tornato, anche se parzialmente, a vivere grazie ai fondi dell'Unione Europea per la protezione dell'ambiente e lo sviluppo regionale.

Pantelis Sidiropoulos, responsabile del progetto, ci spiega i risultati ottenuti fino ad oggi: "La natura ci ha premiato, abbiamo registrato circa 180 specie di uccelli e 14 specie di pesci, quindi il ripristino ecologico dell'area, che era uno degli obiettivi principali del progetto, è stato raggiunto".

I villaggi intorno alla porzione di lago che è stata ripristinata hanno iniziato a beneficiarne, soprattutto i contadini che fino a ieri dovevano irrigare i campi con complessi e costosissimi, anche dal punto di vista ambientale, sistemi di irrigazione sotterranea

"Per noi è un po 'emozionante perché siamo cresciuti con le foto dei nostri nonni nel lago di Karla - spiega un contadino della zona - ma se parliamo dell'aspetto pratico del progetto oggi, l'acqua è sfruttata in modo adeguato, questo è essenziale, ora siamo più competitivi sul mercato".

L'Unione Europea finanzia il progetto con 245 milioni di euro. "Certamente l'aiuto dell'Unone europea ci serve - spiega quest'altro contadino - e non solo per il progetto del lago, ma anche su tutto il resto: noi siamo agricoltori e viviamo grazie alle sovvenzioni europee che riceviamo".

Nel paesino di Kanalia, a pochi kilometri dalla riva del lago, i piu' anziani ricordano come un tempo si viveva di pesca. Oggi sperano che quei tempi possano tornare: "Se consentono la pesca nel lago, io sarò il primo - sostiene questo anziano pescatore - ho ancora la mia barca e le mie esche ... qui ci sono un sacco di pesci".

Il progetto, sostenuto fortemente dalla regione della Tessaglia e dal suo governatore Costas Agorastos, è un modello per l'Unione Europea perchè combina la protezione dell'ambiente e la crescita economica, attraverso agricoltura e turismo: "Non ci sarebbe alcun progetto se non fosse per l'Unione europea: è una rivoluzione produttiva, ha cambiato la vita delle persone qui, le persone lo considerano un dono divino e inoltre è il più grande progetto ambientale nell'Europa sudorientale".

Sul lago di Karla ci son anche una scuola e un museo. Luoghi dove le nuove generazioni possono acquisire conoscenze e consapevolezza su una ricchezza da valorizzare.