ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Quanto ci costa 1GB di dati mobili? La classifica europea

Quanto ci costa 1GB di dati mobili? La classifica europea
@ Copyright :
REUTERS/Sergio Perez
Dimensioni di testo Aa Aa

Quanto pagano gli Europei - e, in rapporto, gli italiani - per i pacchetti di dati mobili? Quanto costa 1GB di Internet sul cellulare? Nel nostro continente, i greci sono costretti a sobbarcarsi tariffe molto alte, mentre l'Ucraina è lo Stato dove connettersi alla rete dal telefono costa meno.

L'Italia non se la passa tanto male: nella classifica stilata dal sito inglese di analisi sui costi per i consumatori, Cable, figura al 31esimo posto nel mondo con un prezzo medio di 1,53€ per 1GB di dati. Nell'Europa occidentale, la migliore performance è quella finlandese (1,03€).

Il portale ha raccolto nel 2018 dati che si basano su oltre 6mila tariffe di compagnie telefoniche nel mondo (ad esclusione di Corea del Nord e Venezuela) e ha evidenziato forti disparità non solo tra Paesi lontani, ma anche tra le stesse nazioni europee.

Ad esempio, 1GB costa in media 1,17€ in Polonia ma ben 6,14€ in Germania. I francesi pagano 2,64€ contro i 5,88€ del Regno Unito. La Grecia è lo Stato dove connettersi con il cellulare costa di più in Europa: 28,88€, un'enormità rispetto ai 0,45€ per GB pagati in Ucraina.

L'India è il Paese più economico al mondo (0,23€), mentre lo Zimbabwe è quello dove i dati mobili si vendono a peso d'oro: ben 66,39€ per GB. Gli Stati Uniti sono una delle nazioni del G8 dove i gigabyte costano di più e si piazzano al 182esimo posto nel mondo. Cinque dei Paesi in cui costa di più acquistare pacchetti di dati appartengono alla regione dell'Africa subsahariana.

Dieci dei primi 20 paesi "più virtuosi" sono asiatici, tra cui Sri Lanka, Mongolia e Myanmar.

Commentando la classifica mondiale, Dan Howdle, analista di Cable.co.uk, ha spiegato così le disparità. "Molti dei Paesi in cui costa meno acquistare dati mobili rientrano in due categorie. Alcuni hanno eccellenti infrastrutture mobili e fisse a banda larga e quindi i fornitori sono in grado di offrire grandi quantità di dati, il che abbassa il prezzo per gigabyte. Altri hanno reti a banda larga meno avanzate e dipendono fortemente dai dati mobili. L'economia impone che i prezzi siano bassi per essere accessibili alle persone comuni".

"Nella parte della lista in cui i prezzi sono maggiori, ci sono Paesi dove spesso l'infrastruttura non è la migliore ma i volumi di consumo sono ridotti. La gente compra pacchetti di dati di appena una decina di megabyte alla volta, rendendo un gigabyte una quantità di dati relativamente grande e quindi costosa da acquistare. Molti Paesi al centro della lista hanno buone infrastrutture e mercati mobili competitivi, e anche se i loro prezzi non sono tra i più bassi al mondo, non sarebbero necessariamente considerati costosi dai consumatori".