Francia, weekend a rischio paralisi per la protesta dei "gilet gialli"

Francia, weekend a rischio paralisi per la protesta dei "gilet gialli"
Di Antonio Michele Storto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel weekend, e forse olte, il movimento, nato per protestare contro il caro carburante, intende bloccare la rete ifrastrutturale in tutto il paese

PUBBLICITÀ

La Francia si prepara ad affrontare un weekend che potrebbe rivelarsi critico: a partire da sabato mattina, infatti, il movimento dei Gilet gialli, un gruppo auto-organizzato nato per protestare contro il caro benzina, promette di paralizzare la circolazione in tutto il paese.

A Calais, nel nord, un centinaio di attivisti si sono riuniti già da giovedì sera per iniziare ad organizzarsi. "Staremo per le strade e faremo capire al governo che siamo stufi di tutto questo - spiega Kevin Dujardin, uno dei leader della protesta nella città settentrionale - e che è arrivato il momento di abbassare le nostre tasse,aumentare i nostri stipendi e soporattutto di piantarla con le promesse vuote. »

"Bloccheremo grandi strutture come gli ipermercati - gli fa eco Yohan Delattre, un altro dei capi del movimento a Calais - dove la gente fa la spesa, fa rifornimento di carburante e un gran gettito fiscale è ricavato dallo Stato. E infatti, bloccando questi luoghi, blocchiamo anche lo Stato, blocchiamo il denaro che entra nelle casse statali. Soprattutto sui carburanti. Ci saranno molte persone. Qui a Calais contiamo sulle auto, ce ne sono circa 160 annunciate ma anche altre ne arriveranno. E dunque, poniamo il caso che ci siano 3, 4 o anche 5 manifestanti per auto: credo che solo qui arriveremo a superare i 1.000 partecipanti».

Secondo le stime della polizia, oltre 1500 manifestazioni sono attese in tutto il territorio francese: oltre agli ipermercati, il movimento intende bloccare strade, ferrovie, aeroporti e tutto il resto della rete infrastrutturale, cercando di ricorrere a metodi di protesta che non costituiscano tecnicamente reato, come l'ingolfamento del traffico nelle rotonde.

Se la chiamata dovesse avere successo, la Francia potrebbe trovarsi di fatto paralizzata: nel qual caso, c'è gié chi parla di proseguire a oltranza per il resto del weekend e della settimana.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, tra i Gilet Gialli che hanno bloccato il traffico a Lione

La Francia protesta contro aumenti della benzina

Gaza, decine di morti in un attacco contro un edificio residenziale a Khan Yunis