ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La lotta al virus Ebola nella Repubblica democratica del Congo

Lettura in corso:

La lotta al virus Ebola nella Repubblica democratica del Congo

La lotta al virus Ebola nella Repubblica democratica del Congo
Dimensioni di testo Aa Aa

In questa clinica nella città di Beni, nella Repubblica Democratica del Congo, i medici stanno salvando una ragazza di 13 anni che è risultata positiva al virus ebola. Senza cure, ebola è quasi sempre mortale.

Quindi il tempo è essenziale. Janine - in camicia bianca - e le sue due sorelle sono qui da tre settimane. Sette membri della loro famiglia sono già morti.

"Quando mia madre morì di Ebola non sapevamo cosa fosse - ricorda Janine Mbuka - Pensavamo che fosse stata avvelenata".

L'ebola si diffonde attraverso il contatto con i fluidi corporei. Un nuovo strumento - chiamato cubo - permette ai medici di curare i pazienti dall'esterno.

"Prima occorrevano 15 minuti prima di poter entrare nella stanza - ricorda Oummani Rouafi, medico della Ong Alima - Ora, in un paio di minuti possiamo aiutare il paziente".

Fino a un paio di anni fa, non c'erano farmaci contro ebola. Quest'anno vengono utilizzate medicine sperimentali.

"Da un lato, sei nervoso perché sono farmaci nuovi e sono stati somministrati a poche persone. Ma dall'altra parte, c'è un senso di eccitazione e speranza perché per la prima volta abbiamo qualcosa da usare per combattere il virus", spiega William Fischer, responsabile dell'Organizzazione mondiale della Sanità.

C'è anche un nuovo vaccino. Ma nonostante - così come il nuovo farmaco - non sia ancora stato approvato dalle autorità sanitarie, più di 15.000 persone sono state vaccinate. Si cerca di prevenire un'epidemia in una regione sconvolta anche dalla lotta fra gruppi paramilitari.

"A meno di un chilometro da me, i gruppi armati stanno combattendo contro il governo centrale - dice Jorgen Samso per euronews - Quando i combattimenti si fanno più intensi, l'accesso in quest'area è interdetto agli operatori sanitari".

Poco dopo aver lasciato Beni, il secondo attacco alla città da parte di un gruppo armato - in un solo mese. Questa volta, 15 civili sono stati uccisi e una dozzina di bambini rapiti. A causa dei disordini, le vaccinazioni e il monitoraggio dei casi sospetti di ebola sono stati sospesi.

"Gli operatori sanitari locali sono la prima linea - dice Raphael Okum dell'International Rescue Committee - Tutti i malati che arrivano, vengono portati qui. Quindi, se queste infermiere non sanno come proteggersi, saranno esposte alla malattia".

Nell'ospedale di Beni c'è un momento di gioia quando arrivano le analisi del sangue di Janine.

Dopo 22 giorni è guarita e può tornare a casa.

"Dirò agli altri quanto sia terribile questa malattia e li incoraggerò a venire per farsi guarire", conclude Janine Mbuka.

Le sue due sorelle rimangono in ospedale. Janine dice che tornerà qui ogni giorno finché anche loro non saranno guariti.

"Si accendono piccole speranze quando un paziente viene curato, ma ci sono anche nuovi casi confermati - conclude Jorgen Samso per Euronews - Quindi è ancora troppo presto per dire in quale direzione andrà questa epidemia".