ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alto Adige, polemiche sul doppio passaporto

Lettura in corso:

Alto Adige, polemiche sul doppio passaporto

Alto Adige, polemiche sul doppio passaporto
Dimensioni di testo Aa Aa

Ultime ore di campagna elettorale in vista delle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale di Trento e di Bolzano, e del Consiglio Regionale del Trentino Alto Adige.

Sullo sfondo, le polemiche suscitate dalla proposta dell’Austria di concedere il proprio passaporto agli altoatesini di lingua tedesca e ladina. Anche se non c’è ancora una proposta formale, e la questione non è oggetto del voto di domenica, l’argomento ha inevitabilmente fatto capolinea nel dibattito.

"Uno dei grossi problemi è che questa proposta del governo austriaco è stata fatta senza davvero cercare di trovare una soluzione comune con l'Italia. Quindi è arrivata da una sola delle parti. Penso che sia stato anche questo, come è cominciata tutta la discussione, che adesso crea molte tensioni", spiega Marc Roeggla, esperto in diritti delle minoranze.

"Per noi in Sud Tirolo, è un vero problema aver trascorso cento anni in Italia senza il nostro accordo. Un passaporto austriaco ci darà ancora la sensazione di far parte della patria", è l'opinione di René, dipendente bancario in pensione.

"Non mi sento italiana, ma piuttosto tirolese, o europea, se preferisce. Con solo il passaporto italiano non è così. Penso che un secondo passaporto sarebbe ottimo", commenta Maria, proprietaria di un negozio a Bolzano.

Il governo austriaco non può venire in Alto Adige a distribuire passaporti. Questo compito tocca solo all'Italia", ha ribadito il vice premier Matteo Salvini durante un comizio a Bolzano.