ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Romania: il Senato approva il referendum contro le unioni gay

Lettura in corso:

Romania: il Senato approva il referendum contro le unioni gay

Romania: il Senato approva il referendum contro le unioni gay
Dimensioni di testo Aa Aa

Proteste in Romania dopo la decisione del Senato di appoggiare le richieste di un referendum che potrebbe rendere più difficile la legalizzazione dei matrimoni gay.

I senatori hanno infatti supportato un'iniziativa cittadina per cambiare la definizione della famiglia nella costituzione del paese.

Coalitia pentru Familie, un'associazione di ong volta a preservare la famiglia tradizionale, ha raccolto tre milioni di firme nel 2016.

La loro petizione chiedeva un voto a livello nazionale per cambiare la definizione di unione esistente tra i "coniugi", neutrale dal punto di vista del genere, a una definizione più stretta rigorosamente tra "un uomo e una donna".

I senatori hanno appoggiato martedì la richiesta referendaria con 107 voti contro 13 e la proposta passerà ora alla Corte Costituzionale rumena. Se otterrà il via libera, si voterà domenica 7 ottobre.

Vlad Viski, direttore esecutivo del gruppo Lgbt MozaiQ, ha detto: "La comunità Lgbt in Romania e implicitamente MozaiQ considera immorale il referendum per vietare i matrimoni gay".

"Il tentativo di cambiare la Costituzione rumena muove la Romania in una direzione illiberale e ha legami diretti con la destra religiosa americana che sta cercando di diffondere le sue politiche basate sull'odio in tutta l'Europa orientale, come ha già fatto in Croazia e Slovacchia, dove si sono svolti simili referendum nel 2013 e 2015".

"Non approveremo questo referendum attraverso la nostra presenza e raccomanderemo alle persone di non votare. Questo referendum porta solo ad una maggiore emarginazione e discriminazione contro la comunità Lgbt".

"I matrimoni omosessuali o le unioni civili sono già illegali in Romania e il referendum è un tentativo di garantire che ciò non cambi."

Questo giunge dopo un'ondata di legalizzazione dei matrimoni omosessuali in vari paesi europei dall'inizio degli anni 2000.

A giugno, la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito che gli stati membri che non hanno legalizzato il matrimonio omosessuale devono comunque offrire ai coniugi dello stesso sesso diritti di residenza uguali a quelli delle coppie eterosessuali.

I paesi europei che hanno legalizzato i matrimoni gay dall'inizio del secolo