EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gastone Moschin, l'ultima zingarata

Gastone Moschin, l'ultima zingarata
Diritti d'autore 
Di Claudio Rosmino
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
PUBBLICITÀ

L’ultimo appuntamento con Gastone Moschin non è stato per una zingarata. Al santuario della Madonna del Ponte, a Narni Scalo, in una chiesa gremita, centinaia di persone, con in testa la figlia Emanuela e la moglie Marzia Ubaldi, hanno dato l’ultimo saluto all’attore veneto deceduto lunedì.

Narni, l’ultimo saluto a Gastone Moschin: «Purtroppo non è uno scherzo» https://t.co/V8IeHomHlR

— LE NOTIZIE (@TutteLeNotizie) September 6, 2017

“Tutti vorremo che questa fosse una scena di Amici miei. Ma non è uno scherzo, è la realta” ha detto all’inizio della cerimonia don Roberto Bizzarri, parroco di Capitone, la frazione di Narni dove Moschin e la sua famiglia vivevano dall’inizio degli anni ’90 e dove avevano inaugurato una scuola di recitazione e un centro di ippoterapia.

Moschin, l’ultimo degli ‘Amici miei’

Proprio così, questa volta non era una supercazzola. Con la morte di Gastone Moschin è scomparso l’ultimo rappresentante della spensierata brigata di « Amici miei », film che rappresenta un’irraggiungibile vetta della commedia all’italiana, firmata da grandi autori e insuperabili attori.

Mancava solo lui: addio a #GastoneMoschin, l’ultimo dei grandi compagni di zingarate di #AmiciMiei. Aveva 88 anni. pic.twitter.com/dC8CpKZ9aQ

— CIAK (@ciakmag) September 4, 2017

Moschin interpretava l’architetto Rambaldo Melandri, l’animo sensibile e naif di quel gruppo di gogliardici amici. L’uomo, proprio come l’attore, era serio, discreto, lontano dalle tentazioni della « dolce vita »; un grande professionista che avrebbe meritato maggiore attenzione e riconoscimenti (« un gigante del miglior cinema italiano senza mai curarsi di diventarne un mito », ha scritto la stampa svizzera)

Forse anche per questo tra i suoi fans, sulle reti sociali, ieri c‘è chi impugnava la battuta dell’architetto Melandri in « Amici miei, atto I», quando si infuria di fronte all’indifferenza del figlio e della moglie del Perozzi (« nessuno, non è morto nessuno… », dice la donna agli amici del marito in lutto) e, con la voce rotta, invoca, «un funeralone da fargli pigliare un colpo a tutti e due a quelli… E migliaia di persone, tutti a piangere… E corone, e telegrammi, bande, bandiere, puttane e militari…».

Ha lavorato coi più grandi

Attore eclettico, in grado di far ridere e commuovere, era dotato della rara capacità nascondersi dietro i primi attori per poi magari spiccare con uno sguardo, una battuta o un’espressione memorabile, le sue armi principali.

Gastone Moschin, legendary as Don Fanucci in Francis Ford Coppola’s The Godfather Part II, 1974, has passed away at 88 years of age. pic.twitter.com/Axi0nSdOoO

— Channing Thomson (@CHANNINGPOSTERS) September 6, 2017

Negli anni ’70 era diventato un’icona del cinema d’autore; una sessantina i film girati per il grande schermo, con registi che vanno da Giuliano Montaldo a Mauro Bolognini, da Nanni Loy a Pietro Germi, da Mario Monicelli a Bernado Bertolucci, da Carlo Lizzani a Francis Ford Coppola (« Il padrino parte II »), da Alberto Lattuada a Luigi Comencini. Vinse due Nastri d’argento: nel 1967 per “Signore & Signori” e nel 1986 per “Amici miei, atto III”.

Tanti ruoli, ma sarà Rambaldo Melandri per sempre

Tra i tanti personaggi che ha interpretato (il cowboy, il poliziotto, il criminale, il sacerdote…), l’architetto Melandri è quello che lo ha fatto entrare definitivamente nella memoria e nel cuore degli italiani.

È morto l’attore #GastoneMoschin (qui accanto a Terence Hill in un episodio di “Don Matteo”). Aveva 88 anni. pic.twitter.com/DB361sczFg

— Famiglia Cristiana (@fam_cristiana) September 4, 2017

Come Tognazzi, Celi, Noiret e Montagnani (che sostituì Duilio Delprete), Moschin ha dato vita a una maschera identificabile da tutti in quell’Italia fatta ancora di tv in bianco e nero, Fiat 1100, sacrifici quotidiani, sogni americani e la voglia di lasciarsi dietro il « logorio della vita moderna » con un bicchiere di amaro.

O come facevano Mascetti, Melandri, Necchi,Perozzi e Sassaroli, con una bella zingarata...

Addio a Gastone Moschin.

“Ragazzi, come si sta bene tra voi angeli! Ma perché non siamo nati tutti finocchi?”#GastoneMoschinpic.twitter.com/JtKKTlfeAK

— Arsenale K (@ArsenaleKappa) September 4, 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Etna torna a eruttare: allerta arancione, problemi ai voli a causa della cenere

Stromboli, lava e nubi di cenere del vulcano sul mare. Vulcanologo Ingv "fuori dall'ordinario"

Lo spettacolo dell'eruzione dell'Etna