India, Corte Suprema conferma condanna a morte per stupro collettivo

India, Corte Suprema conferma condanna a morte per stupro collettivo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Corte Suprema indiana ha confermato la condanna a morte dei quattro autori dello stupro collettivo, avvenuto a Nuova Delhi nel dicembre 2012.

PUBBLICITÀ

La Corte Suprema indiana ha confermato la condanna a morte dei quattro autori dello stupro collettivo, avvenuto a Nuova Delhi nel dicembre 2012.

Il verdetto, già pronunciato in precedenza da altre due Corti, ha tenuto conto del concetto di coscienza collettiva, secondo il quale questo reato è passibile solo di pena di morte.

“Non è solo l’assegnazione della condanna – afferma il Pubblico Ministero -, ma il ragionamento del Tribunale ad essere importante per me, esiste una giustificazione dettagliata sul perché in casi del genere debba essere concessa tale pena: in generale, trattasi di un importante precedente per la società”.

“La Corte ha confermato la sentenza di condanna a morte – dice invece l’avvocato di due dei quattro imputati -, ma questa non è giustizia per i poveri, la sentenza viola i fondamentali diritti umani”.

La vittima, una 23enne studentessa in medicina, morì dopo due settimane di agonia in un ospedale di Singapore, a causa della gravità delle ferite riportate in seguito all’aggressione su un bus della capitale indiana.

The death sentence was awarded to them by a trial court and later confirmed by the High Court. https://t.co/G2d1EFZ7mc

— The Indian Express (@IndianExpress) 5 mai 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

India, il video di uno stupro di gruppo aggrava la violenza etnica in Manipur

Il sospettato per la scomparsa di Maddie McCann a processo in Germania: è accusato di stupro

Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo per stupro