EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Trump colpevole per i pagamenti a Stormy Daniels: prima condanna a un ex presidente, pena a luglio

Donald Trump, 77 anni: il 30 maggio è stato giudicato colpevole nel primo processo a suo carico a concludersi negli Stati Uniti
Donald Trump, 77 anni: il 30 maggio è stato giudicato colpevole nel primo processo a suo carico a concludersi negli Stati Uniti Diritti d'autore Justin Lane/AP
Diritti d'autore Justin Lane/AP
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Quello di New York è il primo processo a carico dell'ex presidente a concludersi. "Il vero verdetto sarà il 5 novembre" alle presidenziali, ha rilanciato Trump con i sostenitori. Il presidente Usa Biden: "Nessuno è al di sopra della legge"

PUBBLICITÀ

Donald Trump diventa il primo ex presidente degli Stati Uniti a essere condannato penalmente, per tutti i 34 capi d'imputazione giudicati da un tribunale di New York.

Il verdetto è arrivato giovedì (la tarda serata in Italia) all'unanimità dopo due giorni di camera di consiglio dei 12 membri della giuria, secondo cui Trump ha falsificato documentazione aziendale alla vigilia delle elezioni presidenziali del 2016 per coprire un pagamento da 130mila euro a Stormy Daniels per non rivelare un rapporto sessuale tra i due.

A inchiodarlo molte testimonianze, tra cui quella del suo ex avvocato e faccendiere Michal Cohen, che ha ammesso di avere ricevuto istruzioni da Trump sul pagamento e di averlo effettuato personalmente, per essere poi rimborsato da una società a titolo di spese legali.

Trump condannato, pena l'11 luglio: rischia quattro anni di reclusione

La pena verrà emessa il prossimo 11 luglio e può andare da una multa, a un periodo di lavori socialmente utili fino alla reclusione per 4 anni (il carcere è comunque improbabile a causa dell'età, 77 anni).

"Sono un uomo innocente", ha commentato l'ex presidente fuori dall'aula del tribunale a Manhattan. "L'intero Paese viene truccato in questo momento" ha detto ai sostenitori presenti. "Il vero verdetto sarà il 5 novembre", ha concluso.

Il riferimento è al prossimo voto presidenziale, che lo dovrebbe vedere confrontarsi per il presidente uscente Joe Biden visti i risultati delle primarie.

Lo stesso Biden, che due giorni fa aveva organizzato un evento fuori dal tribunale in pieno stile elettorale americano, ha scritto su X: "C'è un solo modo per tenere Donald Trump fuori dallo Studio Ovale: andare alle urne", consapevole che finora i guai giudiziari dell'imprenditore diventato politico lo hanno fatto volare nei sondaggi.

La condanna influirà sulla candidatura a presidente o sull'elezione di Trump?

La campagna del candidato repubblicano ha ricevuto un picco di donazioni dopo la sentenza. Il suo avvocato ha dichiarato che farà richiesta di appello a breve, ma Trump dovrebbe correre per la presidenza in autunno da pregiudicato, una condizione che non impedisce una candidatura negli Stati Uniti.

Se eletto tuttavia, il neopresidente non potrebbe usare il potere di grazia per se stesso, essendo il reato per cui è stato condannato in primo grado di natura statale e non federale (potrebbe farlo solo la govenatrice dello Stato di New York, la democratica, Kathy Hochul).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Donald Trump contestato alla convention del Partito Libertario

Usa, processo per il caso Stormy Daniels, Trump: "Un attacco all'America"

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni