Etiopia: governo reprime nel sangue le proteste contro gli espropri, oltre 100 morti

Etiopia: governo reprime nel sangue le proteste contro gli espropri, oltre 100 morti
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sarebbero oltre 100 le persone uccise dalle forze di sicurezza in Etiopia durante il fine settimana.

PUBBLICITÀ

Sarebbero oltre 100 le persone uccise dalle forze di sicurezza in Etiopia durante il fine settimana. I militari hanno aperto il fuoco sui manifestanti pacifici nelle regioni a maggioranza Oromo e Amhara, secondo quanto riferisce Amnesty International.

Gli Oromo sono stati protagonisti di violente manifestazioni alla fine del 2015 contro il piano del governo di inglobare terre agricole della propria comunità in una macroregione della capitale Addis Abeba.

I primi disordini che hanno visto protagonisti gli Amhara erano scoppiati il mese scorso a seguito dell’intervento delle forze di polizia per arrestare i leader del Comitato che contesta l’annessione del distretto Wolkait alla vicina regione del Tigray.

Centinaia di persone sono state inoltre condotte in centri di detenzione non ufficiali, tra cui basi dove vengono addestrate forze di polizia ed esercito.

anubidal</a> tra l&#39;altro ricordiamo che in <a href="https://twitter.com/hashtag/Etiopia?src=hash">#Etiopia</a> gli Oromo protestano contro una «grande opera» italiana, per fare la quale li si deporta.</p>&mdash; Wu Ming Foundation (Wu_Ming_Foundt) August 8, 2016

2013-Poi chiedetevi perché scappano dai loro Paesi e perché vorrebbero vedervi morti#ETIOPIA IL MASSACRO DEI… https://t.co/QmcYzs8AzM

— Massimiliano (@Massi2712) July 30, 2016

#Etiopia massacro di contadini che si oppongono alla diga (con part.ne italiana). Una guerra di cui non si parlahttps://t.co/1NNJ9c6rbU

— Bruno Simili (@bruno_simili) July 30, 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Addis Abeba: torna "Ashenda", la festa delle donne del Tigray

Inondazioni in Russia, proteste dei cittadini a Orsk: chiesto un risarcimento per i danni

Brennero, agricoltori italiani alla frontiera con l'Austria, Coldiretti: "difendere made in Italy"