Colombia: il cessate il fuoco è realtà, ora si guarda all'accordo di pace finale

Colombia: il cessate il fuoco è realtà, ora si guarda all'accordo di pace finale
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Colombia fa un passo storico.

PUBBLICITÀ

La Colombia fa un passo storico. Nel corso di una cerimonia all’Avana il governo di Bogotà e la guerriglia delle Forze armate rivoluzionarie (Farc) hanno siglato l’accordo per il cessate il fuoco bilaterale e definitivo. A suggellare l’intesa c’erano in prima fila il comandante delle Farc Timoleón Jiménez, il Segretario generale dell’Onu Ban Ki moon e il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos.

“Ora che abbiamo raggiunto un accordo di pace, come leader del paese e come colombiano mi impegno a difendere con la stessa determinazione il diritto di manifestare il vostro pensiero e continuare la vostra battaglia legalmente, anche se non riusciremo mai a pensarla nello stesso modo”, ha dichiatato Santos.

La paz se hizo por fin posible y es de todos los colombianos, sin excepción. La pesadilla de la guerra se aleja para siempre. #SíALaPaz

— Juan Manuel Santos (@JuanManSantos) 23 giugno 2016

Entro 180 giorni dall’accordo di pace finale, la guerriglia dovrà abbandonare le armi, sarà l’Onu a recuperarle e distruggerle.

“Parteciperemo senza dubbio alla vita politica. Questa è la nostra ragione d’essere, ma in modo pacifico e legale con gli stessi diritti e e le stesse garanzie di ogni altro partito politico”, ha detto il leader delle Farc, Timoleon Jimenez, alias ‘Timochenko’.

Nos alistamos pata refrendar acuerdos. Queda definir en qué momento entran en vigencía para en firme iniciar la construcción de la Paz

— Timoleón Jiménez (@Timochenko_FARC) 23 giugno 2016

Alla cerimonia hanno preso parte anche i presidenti di Cuba, Cile, Venezuela e altri Paesi latinoamericani. Il passo successivo al cessate il fuoco è l’accordo di pace, che il presidente Santos spera di firmare il prossimo 20 luglio e che dovrà essere approvato con un referendum. Solo quel giorno si potrà scrivere la parola fine a un conflitto durato mezzo secolo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Colombia, l'euforia non si ferma

Gaza: "La guerra continua" dice Netanyahu ai senatori Usa, Israele stima 28mila morti nella Striscia

Paesi Bassi, falliscono i colloqui per formare un governo di estrema destra