EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mondiali atletica: tris di Bolt, oro anche nella 4x100, Farah si prende i 5000m

Mondiali atletica: tris di Bolt, oro anche nella 4x100, Farah si prende i 5000m
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Usain Bolt conquista il terzo oro ai Mondiali di Pechino, grazie al successo della sua Giamaica nella staffetta 4×100. Bolt e compagni precedono sul

PUBBLICITÀ

Usain Bolt conquista il terzo oro ai Mondiali di Pechino, grazie al successo della sua Giamaica nella staffetta 4×100. Bolt e compagni precedono sul traguardo gli Stati Uniti, squalificati pero’ poi per un’irregolarità sull’ultimo cambio. L’argento va quindi alla Cina, terzo il Canada.

Successo giamaicano anche nella staffetta femminile. Campbell-Brown, Morrison, Thompson e Fraser-Pryce si impongono senza difficoltà, mettendosi alle spalle le statunitensi e le velociste di Trinidad & Tobago.

Mo Farah conquista il quinto titolo iridato, il secondo a Pechino, imponendosi nei 5000 metri. 13’50“38, il crono del britannico, che ha battuto il keniota Ndiku e l’etiope Gebrhiwet .

Giornata indimenticabile per Ashton Eaton. Lo statunitense trionfa nel decathlon e reallizza il nuovo record mondiale: 9045 punti. Salgono con lui sul podio, il canadese Warner e il tedesco Freimuth.

La bielorussa Marina Arzamasova fa suo l’oro negli 800 metri. L’argento finisce nelle mani della canadese Bishop, mentre il bronzo è della keniota Sum.

Maria Kuchina sale sul gradino piu’ alto del podio nel salto in alto. Al suo fianco, la croata Vlasic, seconda e la connazionale e campionessa olimpica in carica, Chicherova, terza.

Il polacco Piotr Malachowski si aggiudica la finale del lancio del disco, facendo meglio del belga Milanov e di Urbanek.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Budapest "mondiale": la Maratona ne ha suggellato il trionfo sportivo e turistico

Ungheria, al via tra le polemiche il Campionato mondiale di atletica leggera

Gli atleti ucraini: "Vinciamo per il nostro Paese"