EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Gli scienziati scoprono come il cervello cambia durante i "viaggi" psichedelici con Dmt

The study sheds new light on how DMT affects the brain  -
The study sheds new light on how DMT affects the brain - Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Luke Hurst
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Scansioni cerebrali avanzate hanno mostrato come una potente droga psichedelica aumenti la connettività nelle aree del cervello legate a funzioni di livello superiore, come l'immaginazione

PUBBLICITÀ

Scansioni cerebrali avanzate hanno mostrato come una potente droga psichedelica aumenti la connettività nelle aree del cervello legate a funzioni di livello superiore, come l'immaginazione.

Sperando di raccogliere nuove informazioni su come gli psichedelici alterano l'esperienza cosciente di una persona, gli scienziati hanno condotto un esperimento con la Dmt (dimetiltriptamina).

Questo è lo psichedelico naturale utilizzato nell'ayahuasca, in cui i partecipanti bevono un infuso in una cerimonia spirituale tipicamente guidata da uno sciamano.

Lo studio, pubblicato sulla rivista PNAS, è il primo a tracciare in modo così dettagliato l'attività cerebrale prima, durante e dopo l'esperienza DMT.

A differenza di altri noti psichedelici come l'Lsd o la psilocibina, gli effetti del Dmt sul cervello sono brevi e durano solo pochi minuti anziché ore.

La droga produce intensi stati alterati di coscienza e le persone che l'hanno assunta hanno spesso visioni vivide e bizzarre, o sentono di aver visitato realtà o dimensioni alternative.

Tuttavia, non è chiaro come il composto alteri effettivamente la funzione cerebrale per spiegare questi effetti.

Per scoprirlo, i ricercatori dell'Imperial College di Londra hanno scansionato il cervello di 20 volontari sani, cui sono state somministrate dosi relativamente elevate di Dmt per iniezione.

Aumento delle comunicazioni tra i sistemi cerebrali

Sono stati eseguiti due tipi di scansioni del cervello dei partecipanti prima, durante e dopo il viaggio: risonanza magnetica funzionale (Fmri) ed elettroencefalografia (Eeg).

L'Fmri misura i piccoli cambiamenti nel flusso sanguigno che si verificano con l'attività cerebrale, mentre un Eeg viene condotto collegando piccoli sensori al cuoio capelluto di una persona per raccogliere i segnali elettrici prodotti dal cervello.

L'esperienza psichedelica totale è durata circa 20 minuti e, a intervalli regolari, i volontari hanno fornito una valutazione dell'intensità soggettiva della loro esperienza su una scala da 1 a 10.

Le scansioni fMRI hanno mostrato cambiamenti nell'attività all'interno e tra le regioni del cervello, con una maggiore comunicazione tra diverse aree e sistemi. 

I cambiamenti sono stati più evidenti nelle aree legate a quelle che vengono chiamate funzioni di livello superiore, come l'immaginazione.

"Questo lavoro è entusiasmante, in quanto fornisce la visione di neuroimaging umana più avanzata dello stato psichedelico fino ad oggi - ha affermato  Chris Timmerman del Center for Psychedelic Research dell'Imperial College di Londra, autore principale dello studio - una visione sempre più popolare è che gran parte delle funzioni cerebrali riguardi la modellazione o la previsione del suo ambiente. Gli esseri umani hanno cervelli insolitamente grandi e modellano una quantità insolitamente grande del mondo”.

Ha fornito un esempio di come, quando osserviamo le illusioni ottiche, i nostri cervelli stiano effettivamente riempiendo gli spazi vuoti in base a ciò che già sappiamo.

"Quello che abbiamo visto con la Dmt è che l'attività in aree e sistemi del cervello altamente evoluti, che codificano modelli particolarmente di alto livello, diventa altamente disregolata sotto effetto della droga e questo si riferisce all'intenso 'viaggio' della droga stessa".

Correlare l'attività cerebrale all'esperienza cosciente

Sebbene non sia il primo studio a visualizzare il cervello durante un viaggio psichedelico, è il primo a combinare le due tecniche di imaging per studiare ciò che accade.

I ricercatori hanno affermato che il lavoro fornisce ulteriori prove di come il Dmt - e gli psichedelici più in generale - esercitino i loro effetti interrompendo i sistemi cerebrali di alto livello.

PUBBLICITÀ

“Motivato e basato sulla nostra precedente ricerca con gli psichedelici, il presente lavoro ha combinato due metodi complementari per l'immagine dell'imaging cerebrale. 

La Fmri ci ha permesso di vedere l'intero cervello, comprese le sue strutture più profonde, e l'Eeg ci ha aiutato a visualizzare l'attività ritmica a grana fine del cervello", ha detto il professor Robin Carhart-Harris, fondatore del Center for Psychedelic Research presso l'Imperial College di Londra - i nostri risultati hanno rivelato che quando un volontario era in Dmt c'era una marcata disregolazione di alcuni dei ritmi cerebrali, che normalmente sarebbero dominanti. 

Il cervello ha cambiato il suo modo di funzionare in qualcosa di completamente più anarchico”.

Ha aggiunto che le sostanze psichedeliche sono strumenti potenti per comprendere come l'attività cerebrale si collega all'esperienza cosciente.

I ricercatori stanno continuando a esplorare come prolungare il picco di un'esperienza psichedelica usando l'infusione continua di Dmt.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dove si trova l'attrazione turistica più votata al mondo e quanto costa l'ingresso?

Scienza: funghi più pericolosi a causa dei cambiamenti climatici

The Cube, intelligenza artificiale ed emozioni umane. Realtà o fantascienza?