EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Intelligenza artificiale, Geoffrey Hinton è preoccupato ed elenca i principali pericoli

Why is artificial intelligence unleashing such fear - and what can we do about it?
Why is artificial intelligence unleashing such fear - and what can we do about it? Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ecco alcuni dei rischi legati al futuro dell'intelligenza artificiale, ne parla il suo "padrino", Geoffrey Hinton

PUBBLICITÀ

Gli esperti di intelligenza artificiale hanno lanciato l'allarme per i recenti progressi, avvertendo che la capicità di rapido sviluppo dell'IA rappresenta una minaccia per l'umanità.

Tra questi, Geoffrey Hinton, pluripremiato scienziato informatico, noto come il "padre dell'IA", che condivide le sue preoccupazioni sullo sviluppo incontrollato dell'intelligenza artificiale.

"Ho cambiato opinione - ha detto Hinton, 75 anni, in un'intervista al MIT Technology Review - penso che questi strumenti saranno molto più intelligenti di noi in futuro".

Persino Sam Altman, presidente di OpenAI, ha affermato che il mondo potrebbe non essere "lontano dall creare  strumenti di intelligenza artificiale potenzialmente incontrollabili".

Dopo che la start-up sostenuta da Microsoft ha lanciato il suo ultimo modello, chiamato GPT-4, più di 1.000 ricercatori hanno firmato una lettera chiedendo una pausa di sei mesi sullo sviluppo dell'IA, perché  esistono "enormi rischi per la società e l'umanità”.

Ecco le maggiori perplessità espresse da Hinton ed altri esperti.

1. L'intelligenza artificiale è più intelligente di noi?

I cervelli umani possono risolvere equazioni come il guidare automobili, grazie al talento innato nell'archiviare informazioni e il ragionare su soluzioni di problemi.

La tecnologia alla base di ChatGPT presenta un numero compreso tra 500 miliardi e un trilione di connessioni, ha affermato Hinton,  le conoscenze di GPT-4 sono "centinaia di volte maggiori" di qualsiasi singolo essere umano.

Ciò porta Hinton alla conclusione che i sistemi di intelligenza artificiale potrebbero già essere più intelligenti di noi.

2. L'intelligenza artificiale può indurre alla disinformazione

Dozzine di siti pieni di notizie false sono già diffusi sul web in più lingue, pubblicano centinaia di articoli al giorno generati dall'intelligenza artificiale. Lo afferma un nuovo rapporto di NewsGuard (che valuta la credibilità dei siti web).

Hinton teme che gli strumenti di intelligenza artificiale possano essere addestrati per influenzare le elezioni e persino scatenare guerre, 

La disinformazione elettorale diffusa tramite chatbot, ad esempio, potrebbe essere la versione futura della disinformazione elettorale  attualmente diffusa tramite Facebook e altri social.

3. L'intelligenza artificiale ci renderà inutili?

OpenAI stima che l'80% dei lavoratori negli Stati Uniti potrebbe vedere il proprio lavoro eliminato dall'intelligenza artificiale e un rapporto di Goldman Sachs afferma che la tecnologia potrebbe mettere a rischio 300 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo.

La sopravvivenza dell'umanità è minacciata quando "le cose intelligenti possono superarci in astuzia", secondo Hinton.

4. C'è una soluzione?

"Vorrei avere una soluzione, ma non sono sicuro che ci sia", ha aggiunto Hinton. 

I governi, tuttavia, stanno prestando molta attenzione all'ascesa dell'IA: la Casa Bianca ha invitato gli amministratori delegati di Google, Microsoft e OpenAI ad incontrarsi con la vice presidente, Kamala Harris, per una "franca discussione" su come controllare i rischi della tecnologia.

I legislatori europei stanno inoltre accelerando i negoziati per approvare nuove regole sull'IA.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Vita su Marte, AI e un futuro senza lavoro: le risposte di Elon Musk

Così due giovani accademici usano TikTok per educare gli elettori in vista delle elezioni

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti