EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni francesi: L'effetto sul mercato del debito sovrano europeo

 Il quartiere degli affari di La Defense visto dall'alto dell'Arco di Trionfo
Il quartiere degli affari di La Defense visto dall'alto dell'Arco di Trionfo Diritti d'autore Aurelien Morissard/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Aurelien Morissard/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Piero Cingari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I mercati finanziari europei si preparano ad affrontare le turbolenze portate dalle elezioni parlamentari francesi. La stratega dei tassi di Abn Amro, Sonia Renoult, mette in guardia da una potenziale instabilità fiscale e da un percorso di indebitamento insostenibile per la Francia

PUBBLICITÀ

I mercati finanziari dell'Eurozona si preparano a settimane di maggiore volatilità con le imminenti elezioni parlamentari francesi. Il primo turno è previsto per domenica 30 giugno, mentre il ballottaggio si terrà il 7 luglio.

I recenti sondaggi di Harris Interactive, Ifop, Elabe, Ipsos, Odoxa, OpinionWay e Cluster17 indicano che il Rassemblement national (Rn) di Marine Le Pen è in testa con una media del 35,4 per cento delle preferenze, seguito dal Nuovo Fronte Popolare (Nfp) di estrema sinistra al 28,1 per cento e da Renaissance del presidente Emmanuel Macron al 20,8 per cento.

La sfida tra estrema destra ed estrema sinistra

I risultati dei sondaggi suggeriscono una potenziale gara al secondo turno tra coalizioni di estrema destra e di estrema sinistra, che potrebbero mettere da parte i partiti centristi di Macron.

Sonia Renoult, stratega dei tassi presso la banca olandese Abn Amro, ha recentemente offerto preziose indicazioni sul potenziale impatto delle elezioni parlamentari francesi sulla politica fiscale del Paese e sui mercati del debito sovrano europeo.

Ha osservato che: "Le finanze pubbliche francesi erano già in uno stato disastroso", anche prima delle elezioni indette da Macron, aggiungendo che "la prospettiva di un nuovo governo meno responsabile dal punto di vista fiscale" potrebbe aggravare la situazione.

Il debito pubblico francese su un "percorso insostenibile"

Renoult ha sottolineato che "in ognuno dei possibili scenari descritti, è improbabile che il deficit della Francia torni all'obiettivo del 3 per cento del Pil entro il 2027".

Lo scenario di base di Abn Amro prevede che il partito Rn ottenga la maggioranza relativa in Parlamento e un governo di coabitazione con il Presidente Macron.

Le preoccupazioni del mercato si concentrano sulla possibilità di politiche fiscali insostenibili e su un atteggiamento meno cooperativo nei confronti dell'Unione Europea (Ue). Sia i partiti di estrema destra che quelli di estrema sinistra sostengono politiche fiscali espansive ed esprimono una significativa opposizione all'integrazione dell'Ue.

Le proposte politiche del Rn indicano un aumento significativo della spesa pubblica rispetto all'attuale amministrazione. Le misure principali includono l'indicizzazione delle pensioni all'inflazione (27,4 miliardi di euro), l'abbassamento dell'età pensionabile da 64 a 62 anni (22 miliardi di euro) e la riduzione dell'Iva sull'energia dal 20 per cento al 5,5 per cento (11,3 miliardi di euro).

La leader dell'estrema destra del Rn Marine Le Pen spera di trarre vantaggio dalle elezioni
La leader dell'estrema destra del Rn Marine Le Pen spera di trarre vantaggio dalle elezioniChristophe Ena/Copyright 2024 The AP.

Tuttavia, Renoult ha sottolineato che "alcune misure saranno difficili da attuare a causa di vincoli costituzionali". Inoltre, la proposta di riduzione dell'Iva sull'energia è in conflitto con la legislazione europea, che richiede un'aliquota minima del 15 per cento.

Il Rn mira anche a tagliare il suo contributo al bilancio dell'Ue di 2 miliardi di euro, una mossa che difficilmente avrà successo e che potrebbe comunque causare attriti politici con l'Ue. Secondo le proposte attuali, un governo guidato dal Rn comporterebbe un deficit persistente superiore al 6 per cento per Pil nei prossimi anni.

Se un governo guidato dal Nfp salisse al potere potrebbe portare il rapporto deficit-Pil prossimo all'8 per cento, ha avvertito Renoult. "L'effetto netto porterebbe comunque il debito pubblico su una traiettoria insostenibile", ha aggiunto l'analista.

Come potrebbero reagire le obbligazioni francesi ed europee?

Secondo Abn Amro, nel peggiore dei casi i mercati finanziari, insieme alle pressioni delle autorità europee, potrebbero accelerare la resa dei conti della Francia.

Dall'annuncio delle elezioni anticipate, le obbligazioni francesi hanno registrato una significativa sottoperformance e la banca olandese prevede che lo spread Oat-Bund rimarrà ampio fino a quando non ci sarà chiarezza sull'esito delle elezioni e sulle politiche successive.

La sottoperformance dei titoli francesi ha portato il rendimento dell'obbligazione decennale a collocarsi al di sopra della controparte belga e ad allinearsi, o a superare leggermente, quelli dei Paesi periferici come il Portogallo, che hanno un rating creditizio inferiore. Dopo il voto finale del 7 luglio, la direzione delle obbligazioni francesi dipenderà dal partito al governo per i prossimi tre anni.

Questa incertezza fiscale getta un'ombra sulle prospettive economiche della Francia. "In uno scenario in cui il futuro governo francese dovesse portare avanti un piano fiscalmente sconsiderato, è probabile che il mercato perda fiducia nel debito del Paese e spinga lo spread francese a dieci anni ben oltre il livello di 100 bp", ha affermato Renoult. Un simile scenario potrebbe far sì che la Francia venga commercializzata in modo simile ai Paesi con rating inferiore, diventando di fatto un "periferico crossover".

Inoltre, poiché la Commissione europea ha inserito la Francia nella procedura per deficit eccessivo, la Banca centrale europea non può utilizzare il suo strumento di protezione della trasmissione per mitigare il rischio di credito sovrano del paese. Pertanto, Francoforte dovrebbe elaborare un programma di emergenza alternativo per mitigare ulteriori rischi di frammentazione all'interno del blocco valutario.

Secondo Renoult, questa situazione potrebbe presentare "opportunità interessanti" per gli investitori che cercano di rientrare nel mercato del debito europeo una volta che le incertezze politiche si saranno attenuate, consentendo loro di acquistare il debito di Paesi con solidi fondamentali economici, come la Spagna o il Portogallo, a rendimenti più favorevoli.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Francia: i tedeschi si preparano a cambiamenti nella politica dell'Ue

Elezioni in Francia, lo scenario di un governo di minoranza del Rassemblement National

Elezioni anticipate in Francia: come funzionano e quali sono i possibili risultati?