EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Europee in Francia, Macron sconfitto annuncia elezioni legislative anticipate dopo vittoria Le Pen

Il presidente francese Emmanuel Macron
Il presidente francese Emmanuel Macron Diritti d'autore Hannah McKay/Pool via AP
Diritti d'autore Hannah McKay/Pool via AP
Di Alice TideyMichela Morsa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo i risultati provvisori il partito del presidente francese, Renaissance, è stato schiacciato da Rassemblement national di Marine Le Pen, ottenendo solo il 15,2 per cento dei voti contro il 31,5 dell'estrema destra

PUBBLICITÀ

Domenica sera il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato lo scioglimento dell'assemblea nazionale dopo la cocente sconfitta alle elezioni europee del suo partito centrista Renaissance, che secondo i risultati provvisori ha ottenuto solo il 15,2 per cento dei voti contro il 31,5 per cento del Rassemblement national di Marine Le Pen, di estrema destra.

In un discorso video di cinque minuti diffuso sui social media poco dopo le 21, Macron ha dichiarato che “dopo aver effettuato le consultazioni previste dall'articolo 12 della nostra Costituzione, ho deciso di restituirvi la scelta del nostro futuro parlamentare attraverso il voto. Per questo motivo questa sera sciolgo l'Assemblea nazionale”.

Una sconfitta senza precedenti

Lo stesso Jordan Bardella, presidente di Rn e candidato principale del partito a queste elezioni, aveva chiesto a Macron di procedere in tale senso nel suo discorso di vittoria, pronunciato poco dopo l'uscita dei risultati provvisori.

"Il presidente della Repubblica non può rimanere sordo al messaggio inviato questa sera dal popolo francese. Prima di tutto deve abbandonare l'agenda che si stava preparando ad attuare: la de-indicizzazione delle pensioni e il nuovo aumento dei prezzi dell'energia a partire da quest'estate", ha detto Bardella ai sostenitori.

“Gli chiediamo solennemente di prendere atto di questa nuova situazione politica, di tornare dal popolo francese e di organizzare nuove elezioni legislative”. “Questa sconfitta senza precedenti per l'attuale governo segna la fine di un ciclo e il primo giorno dell'era post-Macron, che spetta a noi costruire”, ha aggiunto.

L'estrema destra è “la rovina del nostro Paese”

Nel suo discorso Macron ha replicato che "l'ascesa dei nazionalisti e dei demagoghi è una minaccia non solo per la nostra Nazione, ma anche per la nostra Europa e per il posto della Francia in Europa e nel mondo”.

"L'estrema destra rappresenta l'impoverimento del popolo francese e la rovina del nostro Paese. Quindi, alla fine di questa giornata, non posso far finta che non sia successo nulla", ha aggiunto.

Ha detto che il voto nazionale, che si terrà il 30 giugno per il primo turno e il 7 luglio per il secondo, è una “decisione seria e pesante” ma è un “atto di fiducia”. "Fiducia in voi, cari compatrioti, nella capacità del popolo francese di fare la scelta giusta per sé e per le generazioni future. Fiducia nella nostra democrazia, nel dare voce al nostro popolo sovrano, niente è più repubblicano", ha inoltre affermato.

Rassemblement national pronto a esercitare il potere

In Francia le elezioni legislative si tengono solitamente ogni cinque anni, settimane dopo l'elezione del nuovo presidente. Le prossime si sarebbero dovute tenere a metà del 2027.

Macron ha perso la maggioranza assoluta dell'Assemblea nazionale dopo essere stato rieletto nel 2022, con il suo partito che ha ottenuto solo 169 seggi su 577 e con gli alleati di altri partiti centristi tra cui MoDem e Horizons che hanno fornito altri 81 seggi Rassemblement national è stata la seconda formazione con 88 seggi, seguita dalla sinistra radicale di France insoumise (Lfi) e dai Républicains di destra (Lr).

Marine Le Pen, presidente del gruppo di Rn all'Assemblea nazionale, ha detto ai sostenitori che può “solo accogliere con favore questa decisione” di chiedere elezioni anticipate, aggiungendo: "Siamo pronti a esercitare il potere se il popolo francese avrà fiducia in noi durante queste future elezioni legislative".

"Siamo pronti a rimettere in piedi il Paese, pronti a difendere gli interessi dei francesi, pronti a porre fine all'immigrazione di massa, pronti a fare del potere d'acquisto dei francesi una priorità, pronti ad avviare la reindustrializzazione del Paese, in breve, siamo pronti a rimettere in piedi il Paese, pronti a far rinascere la Francia", ha detto a una folla esultante, con Jordan Bardella in piedi accanto a lei.

Anche Jean-Luc Melenchon, leader di France insoumise, ha accolto con favore l'annuncio di Macron, scrivendo su X che il presidente francese “non ha più la legittimità di perseguire le sue politiche di abuso sociale, inazione climatica e guerrafondaio”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Italia, risultati elezioni europee: Meloni in testa con FdI, Pd al secondo posto, delusione del M5S

Elezioni europee e amministrative: seggi aperti in Italia fino alle 23

Elezioni europee: preoccupa l'astensionismo