EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ylva Johansson: "L'impunità è finita" per i trafficanti di esseri umani nell'Ue

La commissaria uscente al Mercato Interno Ue, la svedese Ylva Johansson
La commissaria uscente al Mercato Interno Ue, la svedese Ylva Johansson Diritti d'autore Martial Trezzini/KEYSTONE / MARTIAL TREZZINI
Diritti d'autore Martial Trezzini/KEYSTONE / MARTIAL TREZZINI
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sarà un reato anche utilizzare i servizi prodotti dalla tratta di esseri umani. La direttiva aggiornata dovrà essere recepita dagli Stati membri. L'impegno della commissaria agli affari Interni dell'Ue in una riunione con i relatori nazionali sul tema

PUBBLICITÀ

"L'impunità è finita" ha dichiarato Ylva Johansson, commissaria uscente dell'Ue per gli Affari interni, in occasione di una riunione a Bruxelles dei relatori nazionali sulla tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo.

È stato uno degli ultimi atti del mandato della commissaria e la sfida rimane ardua. 55 delle 821 reti criminali più pericolose dell'Ue mappate da Europol, infatti, sono impegnate soprattutto nella tratta di esseri umani.

"L'anno scorso questi traffici hanno generato oltre 200 miliardi di dollari in tutto il mondo. Ora stiamo contrastando la cultura dell'impunità con una nuova norma sul recupero dei beni che ho presentato. Toglieremo ai criminali le auto veloci, le grandi case e le montagne di denaro", ha dichiarato la commissaria martedì.

"Con l'aggiornamento della direttiva" ha aggiunto Johansson anti-tratta "presto sarà un reato in tutta l'Unione Europea utilizzare consapevolmente i servizi delle vittime di tratta. In precedenza, era considerato reato solo in alcuni Stati membri".

Quali sono le misure dell'Ue contro il traffico di esseri umani

Nell'aprile 2021 l'Unione europea ha lanciato una strategia per combattere la tratta di esseri umani, sostenuta da una proposta aggiuntiva nel dicembre 2022 infine adottata il 27 maggio scorso.

La direttiva mira a fornire strumenti più forti alle forze dell'ordine e alle autorità giudiziarie per perseguire lo sfruttamento. Gli Stati membri dell'Ue hanno due anni di tempo per recepire la direttiva nel diritto nazionale.

La questione riguarda anche i profughi ucraini fuggiti in Europa dopo l'invasione russa del febbraio 2022, tanto che lo scorso marzo Europol ha istituito una task force contro i trafficanti che prendono di mira gli ucraini.

L'agenzia europea di polizia ha condotto aprile una vasta operazione in 31 Paesi membri che ha portato a 51 arresti e all'individuazione di 334 potenziali vittime grazie a ispezioni in settori come la ristorazione, la lavorazione degli alimenti, i servizi di bellezza, la logistica, l'agricoltura e l'edilizia.

La nuova direttiva dovrebbe contribuire a contrastare anche altri tipi di traffico dai matrimoni forzati alle adozioni illegali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: 5 arresti per traffico di esseri umani

Tratta di esseri umani: le donne ucraine a rischio

Zelensky si ferma in Irlanda per incontrare il premier Harris