"Stato dell'Unione": Difesa della democrazia, Intelligenza artificiale e aiuti a Gaza

Imbarcazione con aiuti per Gaza partita da Cipro
Imbarcazione con aiuti per Gaza partita da Cipro Diritti d'autore Petros Karadjias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La stampa è uno dei settori cruciali per preservare la democrazia e i diritti fondamentali, ma deve affrontare molti rischi. L'intelligenza artificiale può rappresentare una mi. Entrambe le questioni sono evidenziate in questo programma, che fa anche il punto sulla situazione nella Striscia di Gaza.

PUBBLICITÀ

Questa settimana, in un'unica sessione plenaria, il Parlamento europeo ha approvato una legge in due settori legati alla difesa della democrazia e dei diritti fondamentali, adottando la legge sulla libertà di stampa e la legge sull'intelligenza artificiale.

Nel caso dell'intelligenza artificiale, la Commissione europea ritiene che l'Ue stia dando l'esempio al resto del mondo.

"Le nostre start up europee saranno i migliori ambasciatori del nostro approccio all'IA. Un'IA affidabile e accessibile, che rispetti le regole della fiducia per tutti i nostri cittadini e le nostre imprese, ma anche per far sì che il mondo possa vedere ciò che facciamo", ha dichiarato Thierry Breton, Commissario europeo per il Mercato interno.

Nonostante l'intensa attività legislativa, il Parlamento europeo ha sferrato un colpo alla Commissione europea, decidendo di intentare una causa contro l'organo esecutivo dell'Ue. Il questione è la decisione di scongelare una tranche di fondi di coesione per l'Ungheria, lo scorso dicembre.

Il programma ha evidenziato anche l'apertura del corridoio marittimo per gli aiuti umanitari tra Cipro e Gaza, con il sostegno degli Stati Uniti e di altri Paesi.

La piccola isola, membro dell'Ue, è il punto di partenza per gli aiuti umanitari al territorio palestinese. Per discutere le implicazioni di questo corridoio e di altri sviluppi nella Striscia di Gaza, abbiamo intervistato Joost Hiltermann, direttore del Programma Medio Oriente e Nord Africa dell'International Crisis Group.

"Naturalmente l'impatto è molto, molto basso, perché stiamo parlando di volumi molto piccoli rispetto a quelli che i camion possono portare attraverso i vari ingressi stradali a Gaza. Questo è uno dei due problemi. L'altro è che gli aiuti possono raggiungere la costa, ma non esiste una rete di distribuzione, soprattutto nel nord di Gaza. La distribuzione è caotica e disorganizzata e non raggiunge le persone che dovrebbe", ha detto l'analista.

(Guarda l'intervista completa in video)

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: cominciato lo scarico di aiuti dalla nave Open Arms: 37 milioni di pasti verso la Striscia

L'Europarlamento vota per proteggere la libertà dei media e limitare lo spionaggio dei giornalisti

Intelligenza artificiale: il Parlamento Ue approva il testo finale dell'AI Act