EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Euroviews. Basta con il "Business as usual": l'Ucraina è importante per l'integrazione europea

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen parlano durante il loro incontro a Kyiv, settembre 2022
Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen parlano durante il loro incontro a Kyiv, settembre 2022 Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Di Andris Piebalgs, Baron Daniel Janssen, Ciarán Devane, Count Etienne Davignon, Dalia Grybauskaité, Daniel Dăianu, Kolinda Grabar-Kitarović, Štefan Füle, Yves Leterme
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano in alcun modo la posizione editoriale di Euronews.
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

"Quello che il Consiglio europeo dirà sull'Ucraina non è solo vitale per la credibilità del processo di allargamento, ma anche per il futuro dell'intero progetto di integrazione europea e per la sua capacità di garantire la libertà, la sicurezza e la prosperità di tutti noi".

PUBBLICITÀ

Tra pochi giorni i leader dell'Unione Europea si riuniranno a Bruxelles. Queste riunioni del Consiglio europeo sono di solito pura routine, ma questa volta è in gioco niente meno che il futuro dell'Europa per i decenni a venire.

I leader dell'Ue devono infatti stabilire il prossimo ciclo di allargamento dell'Unione, il più complicato e difficile finora. Si tratta del destino dell'Ucraina, un Paese in guerra dopo l'invasione russa, e di altri nove Paesi candidati e aspiranti tali, tutti in una delicata situazione geostrategica.

Mai come ora è importante che l'Ue riesca a portare a termine con successo questo allargamento, che rappresenta anche un'opportunità storica per completare l'unificazione dell'Europa, per radicare la democrazia in tutto il continente, per rafforzare la sicurezza e la difesa dell'Europa contro i pericoli di un ordine globale più conflittuale e per rendere l'Europa un attore più potente e influente sulla scena mondiale.

Tuttavia, mentre l'Ue avanza, deve evitare di ripetere gli errori degli ultimi due decenni, quando troppe esitazioni, impegni non mantenuti e messaggi contrastanti ci sono costati tempo prezioso nel processo di allargamento, ritardando le riforme necessarie e perpetuando vecchie divisioni e controversie che hanno minato la sicurezza dei nostri vicini dell'est Europa e, in ultima analisi, la nostra.

L'adesione all'Ue e alla NATO deve servire a rafforzare le nostre democrazie

La NATO ha promesso l'adesione all'Ucraina e alla Georgia già nel 2008, senza poi dare seguito a piani d'azione per l'adesione e senza stabilire un calendario e una tabella di marcia chiari.

L'Ue ha intensificato le relazioni con i suoi vicini orientali, tra cui l'Ucraina, attraverso accordi di associazione e zone di libero scambio globali e approfondite, ma allo stesso tempo ha rifiutato a questi Paesi la prospettiva di adesione che aveva dato ai Balcani occidentali.

I Paesi situati a est dell'Ue sono stati per anni considerati dalla Russia come una zona grigia in cui Putin poteva interferire attraverso pressioni economiche e ricatti, guerre ibride e persino azioni militari, come dimostrato dall'invasione russa della Georgia, dall'annessione illegale della Crimea e dall'invasione dell'Ucraina.

A woman walks by a billboard with an image of Russian President Vladimir Putin, reading: "Happy Birthday President'', in the Bosnian town of Banja Luka, October 2023
A woman walks by a billboard with an image of Russian President Vladimir Putin, reading: "Happy Birthday President'', in the Bosnian town of Banja Luka, October 2023AP Photo/Radivoje Pavicic

Putin ha tentato di integrare con la forza parti di questa zona grigia nel Russkiy Mir, ("il mondo russo") negando ai suoi abitanti il diritto di scegliere liberamente il proprio destino.

La nostra migliore difesa contro l'aggressione russa, così come contro tutte le altre instabilità che affliggono il vicinato orientale e i Balcani occidentali, è trasformare la porta aperta della NATO e dell'Ue in uno strumento più dinamico ed efficace per difendere e rafforzare le nostre democrazie.

Dobbiamo smettere di dire che saremo pronti quando lo saranno i nostri vicini, smettere di fingere di agire e di impegnarci, e aprire invece negoziati di adesione all'Ue reali e significativi con quei Paesi candidati che hanno svolto i loro compiti soddisfacendo le condizioni iniziali stabilite dalla Commissione europea, e aiutarli a portare a termine il lavoro. È tempo di far seguire alle parole i fatti e di essere coerenti.

I Paesi candidati hanno bisogno di un percorso più chiaro

Per riuscirci, tuttavia, non dobbiamo limitarci a seguire il processo di allargamento, ma dobbiamo fare tesoro degli insegnamenti tratti dai precedenti allargamenti. Molte cose sono migliorate e i cambiamenti utili attuati in passato devono essere portati avanti e approfonditi.

Ad esempio, abbiamo imparato che è controproducente limitarsi a spuntare le caselle delle riforme e dei regolamenti adottati sulla carta ma in realtà non attuati o solo parzialmente.

Non è facile per i Paesi che hanno sofferto di regimi totalitari e di un'economia pianificata centralmente adottare le regole complesse e frammentarie dell'Ue.

Crowds take part in celebrations marking Croatia's entry into the European Union, on the central square in Zagreb, June 2013
Crowds take part in celebrations marking Croatia's entry into the European Union, on the central square in Zagreb, June 2013Darko Bandic/AP

Il processo utilizzato con l'ultimo Paese che ha aderito all'Unione nel 2013, la Croazia, prevedeva l'uso di un "Tracking Record" e rifletteva un approccio più rigoroso. Questo è il modello su cui basarsi ora. Così come l'approccio "Fundamental First" per garantire che il Paese candidato condivida e protegga realmente i valori fondamentali dell'Ue prima di procedere alle aree più tecniche dell'integrazione.

Dovremmo inoltre continuare a stabilire criteri chiari per l'apertura e la chiusura dei diversi capitoli del processo negoziale, in modo che i candidati capiscano meglio cosa ci si aspetta da loro e si approprino maggiormente del processo.

PUBBLICITÀ

Altrettanto importante, in un processo negoziale che può durare diversi anni, è premiare i candidati che dimostrano di fare progressi concedendo loro alcuni dei vantaggi dell'effettiva adesione all'Ue, come l'accesso al mercato unico o ai fondi regionali e strutturali, ai programmi di difesa e alla cooperazione scientifica e tecnologica.

In questo modo, i candidati possono rimanere motivati e mostrare alle loro popolazioni i benefici di riforme talvolta dolorose.

Ma non possiamo lasciare il processo solo ai negoziati tecnici. È altrettanto importante mantenere un dialogo politico denso per risolvere i conflitti e affrontare le sfide comuni, come la migrazione illegale, la sicurezza energetica, gli eventi meteorologici estremi legati al clima e la sicurezza delle nostre democrazie contro le interferenze politiche esterne e la guerra ibrida.

L'Ucraina è fondamentale per il nostro futuro comune europeo

L'Ucraina è centrale e cruciale per l'intero processo di allargamento. Se la Russia dovesse prevalere a Kiev, l'Ue si dimostrerebbe incapace di difendere un popolo che ha fatto prova di coraggio e determinazione nel sostenere i valori europei, e la credibilità dell'Ue subirebbe un colpo quasi mortale.

PUBBLICITÀ
L'aiuto all'Ucraina non è un esercizio di carità dell'Ue.

Sia la NATO che l'Ue saranno direttamente minacciate dalla Russia e Putin sarà incoraggiato a minare l'intero processo di allargamento, portando un numero sempre maggiore di Paesi nella sfera di influenza di Mosca.

Weathered sandbags are stacked around the Monument to Dante Alighieri to protect the statue from possible bombing by Russia in Kyiv, July 2023
Weathered sandbags are stacked around the Monument to Dante Alighieri to protect the statue from possible bombing by Russia in Kyiv, July 2023AP Photo/Jae C. Hong

Anche in tempo di guerra, Kiev ha portato avanti le sue riforme e ha soddisfatto le condizioni per aprire i negoziati di adesione. La prospettiva di entrare a fare parte dell'Ue è il modo migliore per sostenere la capacità del governo e del popolo ucraino di resistere all'aggressione russa, insieme a un flusso continuo di armi e sostegno finanziario dall'Europa e dal Nord America.

L'aiuto all'Ucraina non è un esercizio di carità dell'Ue. La "stanchezza da Ucraina" è un'autoindulgenza che sarebbe dannosa per la sicurezza europea e per l'Ucraina stessa.

Pertanto, ciò che il Vertice europeo stabilirà sull'Ucraina non è solo vitale per la credibilità dell'intero processo di allargamento, ma anche per il futuro dell'intero progetto di integrazione europea e per la sua capacità di garantire la libertà, la sicurezza e la prosperità di tutti noi.

PUBBLICITÀ

Siamo onesti con noi stessi

"Non si otterrà mai nulla se prima si devono superare tutte le possibili obiezioni" è un detto popolare coniato da Nathan Cummings. L'allargamento dell'Ue è una necessità strategica, ma la strada da percorrere è ancora lunga e tortuosa e richiede pazienza, costanza e concentrazione.

Una futura Ue a quasi 40 Stati non funzionerà senza una riforma interna, ad esempio nel processo decisionale e nell'allocazione delle risorse. L'Unione però non può permettersi di arrivare impreparata al processo di integrazione, poiché invierebbe ai candidati il messaggio che l'Ue non è seriamente interessata all'allargamento e che non è pronta ad assumerne le conseguenze.

L'allargamento dell'Ue è una necessità strategica, ma la strada da percorrere è ancora lunga e tortuosa e richiede pazienza, costanza e concentrazione.

I due processi di preparazione, quello nei Paesi candidati e quello all'interno dell'Unione, hanno quindi la stessa importanza e devono procedere di pari passo, ottenendo contemporaneamente risultati e rafforzandosi a vicenda.

**La riforma interna dell'Ue non può essere rimandata alla fine del processo di allargamento, perché rallenterebbe e complicherebbe tale processo.**L'opinione pubblica, i gruppi di interesse e le circoscrizioni nazionali possono vedere gli svantaggi dell'ingresso di nuovi membri molto prima di vederne i benefici, come è accaduto di recente con gli agricoltori olandesi e i camionisti polacchi.

PUBBLICITÀ

I leader devono essere onesti con se stessi e con l'opinione pubblica riguardo alle sfide e ai compromessi che si prospettano, ma devono anche lavorare sodo per convincere gli scettici e costruire un sostegno pubblico e politico per l'allargamento dell'UE.

L'attuale generazione di europei gode di una vita più sicura, ma ciò che è veramente importante è che anche i nostri figli e nipoti vivano liberi e sicuri.

Andris Piebalgs è Senior Fellow presso la Florence School of Regulation ed ex Commissario europeo per lo sviluppo e l'energia; il barone Daniel Janssen è membro del Comitato esecutivo della Commissione Trilaterale ed ex presidente del Consiglio di amministrazione di Solvay; Ciarán Devane è direttore esecutivo del Centro per la fiducia, la pace e le relazioni sociali, pro-vicerettore associato per le relazioni internazionali presso l'Università di Coventry ed ex direttore generale del British Council; il conte Etienne Davignon è presidente di Friends of Europe, ministro di Stato belga ed ex vicepresidente della Commissione europea; Dalia Grybauskaité è ex presidente della Lituania ed ex commissario europeo per la programmazione finanziaria e il bilancio; Daniel Dăianu è presidente del Consiglio fiscale rumeno, ex membro del Parlamento europeo ed ex ministro delle Finanze della Romania; Kolinda Grabar-Kitarović è ex presidente della Croazia; Štefan Füle è ex commissario europeo per l'allargamento e la politica europea di vicinato ed ex inviato speciale per l'OSCE e i Balcani occidentali; Yves Leterme è ministro di Stato ed ex primo ministro del Belgio. Gli autori sono tutti fiduciari di Friends of Europe.

A Euronews crediamo che tutte le opinioni siano importanti. Contattateci all'indirizzo view@euronews.com per inviare proposte o contributi e partecipare alla conversazione.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, l'omaggio alle vittime del volo Mh17 sul sito dello schianto dieci anni dopo

Strasburgo: i primi giorni al Parlamento Ue dell'influencer che vuole rendere la politica cool

Covid-19, accolto il ricorso contro la Commissione Ue per l'acquisto poco trasparente dei vaccini