La paura dell'antisemitismo in Europa: viaggio nella sinagoga di Bruxelles

In Europa vivono circa 1,3 milioni di ebrei, secondo l'Institute for Jewish Policy Research
In Europa vivono circa 1,3 milioni di ebrei, secondo l'Institute for Jewish Policy Research Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Di Maria Psara
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con il conflitto fra Israle e Hamas, cresce la paura dell'antisemitismo fra le comunità ebraiche in Europa, come quella di Bruxelles

PUBBLICITÀ

Da quando è iniziata la guerra, si registrano aggressioni fisiche e verbali, ma anche scritte sui muri e minacce online in Europa. Nonostante le autorità di polizia dei vari Paesi abbiano aumentato la protezione della comunità, gli ebrei europei hanno paura, di uno scenario sconosciuto da decenni.

"Sappiamo che siete qui', scritto davanti a una sinagoga. In sostanza è questo il messaggio principale"
Rabbi Menachem Margolin
Rabbino a capo dell'Associazione ebraica europea

Paura a Bruxelles

La scritta "Palestina libera" davanti a una sinagoga di Bruxelles, comparsa dopo una grande manifestazione pro-palestinese nel quartiere europeo della capitale belga, è uno degli esempi che suscitano inquietudine nella comunità ebraica, come racconta a Euronews il rabbino a capo dell'Associazione ebraica europea.

"Sappiamo che siete qui', scritto davanti a una sinagoga. In sostanza è questo il messaggio principale", spiega Rabbi Menachem Margolin. "Riceviamo molte informazioni, chiamate ed e-mail da parte di ebrei europei, sia singoli che istituzioni, sinagoghe, scuole. Per strada ricevono molti più commenti, sguardi cattivi, odio, auguri di morte e aggressioni fisiche".

Non solo i rappresentanti della comunità, ma anche i singoli cittadini sono preoccupati. "Ci sono molte, molte persone che ora blindano gli ingressi, installano telecamere, cambiano le finestre con quelle antiproiettile, cercano di rendere le porte ignifughe. Eppure molti sanno che non è sufficiente".

Odio virtuale, odio reale

Sullo schermo del suo telefono, il rabbino mostra immagini provenienti da tutto il continente. "Questa è una scuola in Germania, deturpata dai graffiti. Questa è una manifestazione contro gli ebrei in Spagna. Questo è un altro graffito sulla Casa Ebraica, che ci ricorda la Notte dei Cristalli. Le finestre delle sinagoghe sono state rotte".

Lo strumento principale per i messaggi di odio, sostiene Menachem Margolin, sono i social media. Un maggiore controllo sui contenuti editoriali e una migliore educazione contro il razzismo sono a suo giudizio necessari per placare le minacce.

Anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in un recente discorso al Parlamento comunitario, ha espresso preoccupazione per l'aumento del linguaggio offensivo nei confronti delle comunità ebraiche in Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, ultimo giorno di Hanukkah in parlamento

Sunak solidale con Israele ma "Palestinesi sono vittime delle azioni di Hamas".

Le richieste degli agricoltori: "Bisogna superare il pregiudizio nei confronti dell'Ucraina"