Urne aperte in Grecia domenica per le elezioni nazionali

Elezioni nazionali in Grecia domenica: l'attenzione degli elettori è sul costo della vita e gli alti prezzi dei generi alimentari.
Elezioni nazionali in Grecia domenica: l'attenzione degli elettori è sul costo della vita e gli alti prezzi dei generi alimentari. Diritti d'autore Petr David Josek/The AP
Diritti d'autore Petr David Josek/The AP
Di Efi Koutsokosta
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo gli ultimi sondaggi, a preoccupare gli elettori è l'alto costo della vita. E mentre sul piano economico il Paese ha riconquistato la fiducia dell'UE ed è ora tra i primi della classe, lo stesso non può dirsi per quanto riguarda lo Stato di diritto: Atene è ultima per libertà dei media.

PUBBLICITÀ

La Grecia al voto, domenica, per le elezioni nazionali. 

La chiamata alle urne avviene in un momento in cui, secondo gli ultimi sondaggi, a catalizzare l'attenzione degli elettori non sono più le vecchie preoccupazioni per l'economia e i conti pubblici, bensì i prezzi elevati dei generi alimentari e il costo della vita. 

Per Bruxelles, infatti, la situazione economica della Grecia è ben lontana dal periodo tetro dei programmi di salvataggio e delle dolorose misure di austerità. Al contrario: ora l'economia greca è tra quelle che crescono più rapidamente nell'Eurozona. Anche se la disciplina fiscale rimarrà un elemento chiave per chiunque vinca le elezioni.

"_Di fatto, la Grecia ha superato le ultime due crisi straordinarie,__quella del Covid e quella dell'energia, abbastanza bene, forse meglio della media europea. Il governo è riuscito a tenere sotto controllo la politica fiscale _e ora sta raccogliendo i frutti di questa disciplina", ha spiegato Daniel Gros, dell'Università Bocconi.

Dunque, la Grecia ha riconquistato la fiducia dell'UE sul piano economico, ma non si può dire la stessa cosa per quanto riguarda la qualità dello Stato di diritto, visto che l'immagine del governo è stata offuscata all'estero dal cosiddetto "Watergate greco", in cui politici, giornalisti e uomini d'affari sono stati sorvegliati dai servizi segreti greci, nonostante il governo neghi di aver utilizzato lo 'spyware', il software spia.

"_Le autorità politiche hanno sostanzialmente ostacolato__l'attività dell'agenzia indipendente preposta, ad esempio, allo svolgimento dei controlli di quanti sono nella lista di sorveglianza. E ci vogliono diversi anni prima che le persone vengano informate dopo che il monitoraggio è stato fatto. Questo crea una situazione davvero allarmante, perché ad essere presi di mira sono l'opposizione e i giornalisti. E, in sostanza, influisce pesantemente _sulla qualità della democrazia e dello Stato di diritto nel Paese", ha illustrato Nino Tsereteli di Democracy Reporting International

Tuttavia, secondo i sondaggi, lo scandalo potrebbe non avere un grande impatto sulle elezioni parlamentari. Secondo Tsereteli, questo è il sintomo del fatto che le voci critiche sono silenziate dai media e che è necessaria una grande e rapida attenzione a livello europeo, prima che i passi indietro diventino irreversibili.

Per il secondo anno consecutivo, la Grecia è il peggior Paese dell'UE per la libertà dei media secondo l'Indice di Reporter senza frontiere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni del 21 maggio in Grecia: finita Alba Dorata, qual è il nuovo percorso dell'estrema destra?

L'inflazione torna a salire nell'Eurozona, 7% ad aprile. Italia sopra la media all'8,3%

Russiagate, Metsola: Parlamento Ue pronto a revocare l'immunità degli eurodeputati coinvolti