EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bruxelles: Aquiris, impianto di depurazione delle acque reflue dove i liquidi trovano nuova vita

A woman walks on a bridge over the Rimac River, a day ahead of World Water Day.
A woman walks on a bridge over the Rimac River, a day ahead of World Water Day. Diritti d'autore Martin Mejia/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Martin Mejia/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le acque reflue raccolte sono sottoposte a una serie di trattamenti successivi che permettono di filtrare granaglie e oli, particolato e inquinamento organico

PUBBLICITÀ

Visita all'Aquiris di Bruxelles, il più grande del Belgio e uno dei più importanti d'Europa, in un impianto di depurazione delle acque reflue dove tutti i liquidi che gettiamo nei nostri gabinetti vengono purificati prima di essere restituiti alla natura.

Qui le acque reflue raccolte sono sottoposte a una serie di trattamenti successivi che permettono di filtrare granaglie e oli, particolato e inquinamento organico.

"Nel nostro centro - afferma Jean-François Mougel, direttore dell'impianto di Aquiris - possiamo trattare fino a 16,4 metri cubi al secondo, ovvero 16.400 litri di acqua.

E qui, in media, tratteremo 300 milioni di litri d'acqua al giorno".

Nell'Unione europea, il trattamento delle acque reflue è regolato da una direttiva del 1991, da allora l'inquinamento è aumentato e la tecnologia è migliorata.

Per allineare meglio le norme agli obiettivi politici dell'Ue, come l'azione per il clima, la circolarità dell'economia e la riduzione dell'inquinamento, nel 2022 la Commissione europea ha proposto una nuova direttiva che è ora all'esame del Comitato per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare.

In generale, la nuova direttiva prevede standard e obblighi più severi che le città dell'Ue dovranno rispettare.

Ciò richiede investimenti aggiuntivi, ma si tratta di denaro ben speso, secondo il relatore.

"Ci sarà un prezzo in entrambi i casi - dice Nils Torvalds, eurodeputato, Renew (Finlandia) - se non fai nulla, avrai costi medico-sanitari, una morte prematura.

Si paga in diversi modi, quindi pensa: ti piacerebbe farlo nel modo giusto o in quello sbagliato?".

Per l'industria idrica, la direttiva è sulla strada giusta, in quanto il testo cerca di portare il settore verso una mentalità diversa: trasformare il trattamento delle acque reflue in un polo di risorse, che potrebbe produrre energia come il biogas o recuperare l'azoto e il fosforo utilizzati in agricoltura.

Ma poiché tutto questo ha un prezzo, chi inquina di più dovrà pagarlo.

"Ci saranno tensioni sui bilanci pubblici - dice Tania Pentcheva, Xylem Water Solutions, Belgio - avremmo bisogno di vedere anche l'implementazione dello schema di responsabilità estesa del produttore, per quelle industrie che scientificamente inquinano le acque reflue e che devono contribuire".

Il Comitato ha ora tempo sino all'autunno per studiare il progetto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il nuovo oro nero di Malta è l'acqua. Il clima e l'uomo mettono a rischio le risorse idriche

"Piano di sobrietà idrica": Macron cambia obiettivo (10% in meno di consumo d'acqua entro il 2030)

Slovacchia, i parlamentari si impegnano a contrastare l'odio politico