Perché gran parte del Sud del mondo sostiene la Russia e non l'Ucraina?

Syrians holding photos of Syrian President Bashar Assad and Russian flags, during a protest to thank Moscow for its intervention in Syria, 2015
Syrians holding photos of Syrian President Bashar Assad and Russian flags, during a protest to thank Moscow for its intervention in Syria, 2015 Diritti d'autore Uncredited/AP
Diritti d'autore Uncredited/AP
Di Joshua Askew
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Mentre l'Occidente si è in gran parte schierato con l'Ucraina, impegnandosi a fare tutto il necessario per aiutare a respingere le truppe russe, molti nel Sud del mondo hanno una visione piuttosto diversa

PUBBLICITÀ

Non tutti sono contro Putin: mentre l'Occidente si è in gran parte schierato con l'Ucraina, impegnandosi a fare tutto il necessario per aiutare a respingere le truppe russe, molti nel Sud del mondo hanno una visione piuttosto diversa.

Certo, il Sud del mondo è assai vasto: gli atteggiamenti nei confronti della devastante guerra - ora al suo 14° mese - variano considerevolmente in America Latina, Africa, Asia e Oceania.

Tuttavia, i sondaggi di opinione in luoghi come Cina, India e Turchia mostrano una chiara preferenza per la fine immediata della guerra, anche se ciò significa che l'Ucraina deve rinunciare al proprio territorio.

"Se si prende il quadro globale, allora il sostegno all'Ucraina e alla lotta dell'Occidente contro la Russia non è del tutto solido, di gran lunga", ha affermato Paul Rogers, professore di sicurezza internazionale all'Università di Bradford.

Antiamericanismo

Soprattutto in Medio Oriente, sostiene che i passati interventi militari degli Stati Uniti e dei loro alleati hanno creato uno stato d'animo cinico nei confronti delle azioni dell'Occidente in Ucraina.

Tuttavia, invece di tradursi in un sostegno alla Russia che "pochi Paesi hanno a livello di leadership o pubblico", Rogers afferma che i combattimenti sono visti più come una "piaga per entrambe le fazioni".

"Non è semplicemente visto come i bravi ragazzi in Occidente contro i cattivi in Russia - ha detto a Euronews - ci sono dubbi sul fatto che l'invasione di Mosca non sia dissimile da ciò che hanno fatto i Paesi occidentali".

Ebrahim Noroozi/Copyright 2018 The AP. All rights reserved.
ranian protesters burn Israeli and U.S. flags in their annual anti-Israeli Al-Quds, Jerusalem, Day rally in Tehran, Iran, Friday, June 8, 2018.Ebrahim Noroozi/Copyright 2018 The AP. All rights reserved.

Più di 929.000 persone sono state uccise nelle zone di guerra dopo l'11 settembre in Afghanistan, Iraq, Siria e altri, luoghi in cui le Forze armate occidentali hanno svolto un ruolo significativo.

Memorie del colonialismo

Questioni storiche più profonde influiscono anche sul modo in cui la guerra in Ucraina viene percepita altrove.

"In gran parte del Sud del mondo, in particolare nell'Africa sub-sahariana, la Russia non è vista come una delle grandi potenze coloniali che l'hanno controllata per secoli, a differenza di altre potenze europee - ha spiegato Rogers - tuttavia gran parte del mondo semplicemente non è consapevole della portata del commercio di armi, del potere e, francamente, della corruzione in Russia".

Sebbene l'eredità coloniale non crei sentimenti filorussi - con la maggior parte delle persone profondamente consapevoli di quanto sia stata "dolorosa" la guerra per gli ucraini - per Rogers significa che c'era "meno simpatia per la posizione occidentale".

L'eredità del colonialismo è molto controversa: i critici sottolineano le indicibili atrocità, il razzismo e lo sfruttamento commessi dagli europei in tutto il mondo, mentre i difensori affermano che ha portato sviluppo economico e politico.

Molti dicono che il controllo della Russia su parti dell'Asia centrale e dell'Europa orientale, compresa l'Ucraina, sotto l'URSS equivaleva al colonialismo.

Una buona base geopolitica

Ma il Sud del mondo non pensa solo con il cuore, usa anche la testa: sebbene non tanto quanto Paesi come la Cina, negli ultimi decenni Mosca ha stretto forti legami economici e partenariati strategici in gran parte del mondo.

"I legami commerciali sono importanti - ha affermato Ivan Kłyszcz, analista di politica estera russa - Paesi come il Brasile e l'India stanno investendo in buone relazioni con la Russia, perché credono che ciò aiuterà le loro agende internazionali".

L'opinione globale è molto divisa quando si tratta di imporre sanzioni alla Russia: in media, il 45% sostiene l'idea che il proprio Paese debba applicare sanzioni economiche più severe contro la Russia, mentre il 25% è contrario, secondo un sondaggio IPSOS.

Molti Stati si sono astenuti dalle risoluzioni delle Nazioni Unite che condannano Mosca, chiedendo invece negoziati.

A ottobre, la Corea del Nord, la Bielorussia, la Siria e il Nicaragua hanno votato contro una mozione che esortava la Russia a revocare immediatamente l'annessione illegale di quattro regioni ucraine, mentre 19 Paesi africani si sono astenuti, tra cui Sudafrica, Cina, India, Pakistan e Cuba.

PUBBLICITÀ

"Il Sud del mondo è guidato da un senso di urgenza che le ostilità finiscano, quindi almeno non ci saranno combattimenti e il commercio potrà riprendere come un anno fa" - ha ribadito Kłyszcz a Euronews - è una sfortunata realtà, ma la guerra è contro gli interessi di questi Paesi".

La cura della sicurezza

La gente comune in Africa e Medio Oriente è stata colpita dall'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, che ha raggiunto livelli record nel 2022 a causa della guerra in Ucraina e della siccità indotta dal cambiamento climatico.

- Amr Nabil/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
A farmer carries a bundle of wheat on a farm in the Nile Delta province of al-Sharqia, Egypt, May 11, 2022.- Amr Nabil/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

Sebbene avvertito in tutto il mondo, ciò ha innescato una crisi globale della sicurezza alimentare, spingendo milioni di persone sull'orlo della carestia.

Secondo Kłyszcz, l'influenza della Russia è aiutata da un "apparato di comunicazione molto sofisticato che trasmette la propaganda in tempo di guerra", mentre "molti Paesi semplicemente non conoscono l'Ucraina così tanto".

Allo stesso tempo, le narrazioni a sostegno della lotta dell'Ucraina contro la Russia – siano esse “democrazia contro autocrazia”, “diritti umani” o “antimperialismo” – non sono state “in grado di muovere l'ago dell'opinione pubblica così tanto” fuori dall'Occidente, ha aggiunto.

PUBBLICITÀ

Rogers ritiene che le opinioni del Sud del mondo nei confronti dell'Ucraina siano state ampiamente marginalizzate nei "media tradizionali".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arrestato il corrispondente del Wall Street Journal in Russia

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"