This content is not available in your region

Macedonia del Nord e Albania si avvicinano all'Unione europea

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Virginia Mayo/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

In Macedonia del Nord e in Albania, questa settimana, politicamente parlando sono scoppiati i tappi dello champagne.

Entrambi i Paesi dei Balcani occidentali si sono avvicinati al loro obiettivo a lungo termine di diventare membri dell'Unione europea, quando finalmente è iniziato il processo ufficiale di negoziazione.

Qualcosa che entrambi i candidati aspettavano da decenni: si spera che lo champagne a Tirana e Skopje fosse ancora buono...

Il motivo per cui i negoziati di adesione iniziano ora è che alcuni ostacoli legali cruciali potrebbero essere rimossi di recente e, come ha sottolineato la presidente della Commissione europea, entrambi i Paesi hanno lavorato molto per conformarsi agli standard dell'Unione.

"Hanno dimostrato resilienza - dice Ursula von der Leyen - mantenuto la fiducia nel processo di adesione, rafforzato lo Stato di diritto, combattuto contro la corruzione, hanno una società civile vivace, hanno fatto innumerevoli riforme e modernizzato l'economia".

AP/Russian Defense Ministry Press Service
AP PhotoAP/Russian Defense Ministry Press Service

C'è un altro motivo alla base della decisione: quando l'Unione europea ha concesso lo status di candidato all'Ucraina poche settimane fa, ha stravolto decenni della sua diplomazia di allargamento, a tal punto da far crescere la pressione per non lasciare indietro Albania e Macedonia del Nord.

In altre parole, la guerra in Ucraina ha, direttamente e indirettamente, forgiato un'identità democratica più forte in Europa e la sensazione che quei Paesi che la pensano allo stesso modo debbano stringere i ranghi contro una Russia aggressiva.

Non sorprende che questa settimana l'Unione abbia ribadito il suo continuo sostegno verso l'Ucraina, esaminando anche nuove sanzioni anti-russe.

Allo stesso tempo, Bruxelles ha respinto con forza l'idea che siano le sanzioni dell'Ue a far salire alle stelle i prezzi dell'energia e creare miseria per famiglie e imprese.

"Il prezzo del petrolio - dice Josep Borrell, Alto Rappresentante Ue per gli Affari esteri - iniziò ad aumentare un mese prima della guerra, è stato causato dalla guerra, ha raggiunto il picco dall'inizio della guerra.

Da quando abbiamo adottato le sanzioni e vietato le esportazioni di petrolio dalla Russia, come si nota, il prezzo del petrolio è diminuito".

L'Unione europea ha anche sottolineato che le sanzioni stanno effettivamente funzionando e che l'economia russa sta andando a gonfie vele.

Ma è davvero così? Dopotutto, c'è un controverso dibattito tra gli esperti sull'efficacia delle sanzioni.

L'esperto risponde

Con noi c'è Stefan Lehne, ex alto funzionario dell'Unione europea ed attualmente al ministero degli Affari esteri austriaco. Benvenuto.

L'opinione pubblica è prevalente sul fatto che le sanzioni non funzionino come previsto e che la Russia stia benone: cosa ne pensa?

"Penso - dice - che erano in pochissimi esperti seri a credere che l'economia russa potesse crollare e costringere Putin a porre fine alla guerra.

Ritengo che le sanzioni dell'Ue siano state concepite per il medio e lungo termine e stiano già avendo un impatto: coloro che affermano che l'Unione sta subendo più sanzioni della Russia si sbagliano di grosso.

Il prodotto interno lordo russo dovrebbe diminuire dell'11,4% nel 2022 e l'Ue dovrebbe ancora crescere del 2,7%, inoltre l'inflazione è molto alta nell'Unione, circa l'8%, ma è il doppio in Russia.

Quindi penso che non ci siano dubbi sul fatto che le sanzioni stiano avendo un grande impatto e stiano facendo aumentare seriamente il costo della guerra".

Nomini i settori in cui le sanzioni funzionano e i settori in cui non lo fanno?

"Certo, ritengo che il settore più rilevante in questo momento sia chiaramente quello tecnologico, quindi, se si guarda, ad esempio, al settore dell'aviazione, due terzi degli aerei che volano in giro, gli aerei civili che volano in Russia sono di origine straniera,

Il che significa che, con la mancanza di pezzi di ricambio, l'aviazione sarà molto, molto colpita nei prossimi mesi: inoltre, l'intera industria automobilistica è più o meno crollata con il ritiro delle aziende occidentali e i relativi costi del carburante, mancano caratteristiche essenziali come gli airbag.

Penso che questa sia chiaramente un'area in cui la Russia sta soffrendo moltissimo, l'area che ha avuto meno successo del previsto riguarda invece le sanzioni finanziarie: grazie agli ingenti proventi delle esportazioni di energia, il rublo è ancora quasi allo stesso livello di prima della guerra e il bilancio ha ancora margini positivi.

Questo potrebbe cambiare alla fine dell'anno, quando inizieranno le sanzioni dell'Unione contro il 90% del petrolio russo: penso che a lungo termine, quando l'Occidente si libererà della sua dipendenza dall'energia russa, l'intero modello di business della Russia di Putin sarà messo seriamente in discussione".

Nariman El-Mofty/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoNariman El-Mofty/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Sia che la guerra sarà presto finita, sia che sarà lunga; l'Ucraina è uno dei luoghi più pericolosi per i giornalisti al mondo in questo momento.

Questa è una valutazione dell'UNESCO: l'organizzazione delle Nazioni Unite ha condannato l'uccisione di dieci giornalisti dall'inizio delle ostilità, avvenuta lo scorso febbraio.

L'UNESCO ha deciso di sostenere la sicurezza dei giornalisti in Ucraina facendo recapitare 125 kit di equipaggiamento protettivo - giubbotti antiproiettile ed elmetti - per i giornalisti indipendenti.

Coprire la guerra in prima linea in qualsiasi conflitto è difficile per natura, ma in Ucraina la minaccia è raddoppiata.

Il capo dell'Unione dei giornalisti ucraini è certo: i giornalisti stranieri e locali, che cercano di coprire questa guerra in modo obiettivo, sono bersagli per la Russia, perché nel mondo della propaganda russa non c'è spazio per il giornalismo indipendente.