This content is not available in your region

Draghi: "basta unanimità in politica estera europea"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  AP

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che le istituzioni europee non sono più idonee allo scopo e hanno bisogno di essere riformate.

Il premier ha detto ai deputati che vuole che gli Stati membri considerino la possibilità di cambiare i trattati in modo che l'Europa possa affrontare le sfide legate all'invasione russa dell'Ucraina.

Mario Draghi, Presidente del Consiglio dei Ministri d'Italia:  "Se questo richiede l'avvio di un percorso che porti alla revisione dei Trattati, questo va accolto con coraggio e fiducia".

L'area di riforma individuata da Draghi è il principio dell'unanimità. Tutti i paesi dell'UE devono essere d'accordo su questioni di politica estera prima di andare avanti, rimandando spesso decisioni importanti.

Ed è proprio questo, che sta trattenendo un nuovo sesto round di sanzioni contro le esportazioni di petrolio di Mosca, con l'ungherese Viktor Orban uno dei principali oppositori.

Il primo ministro italiano, tuttavia, afferma che il solo sostegno alle sanzioni non è sufficiente.

Mario Draghi, Primo Ministro italiano: "Abbiamo sostenuto le sanzioni che l'Europa ha deciso contro la Russia, anche quelle sul settore energetico, e continueremo a farlo con la stessa convinzione in futuro. Ma bisogna mettersi al lavoro, non basta sostenere le sanzioni. Dobbiamo lavorare rapidamente per diventare indipendenti dal gas russo, noi lo stiamo facendo e continueremo a farlo".

Un eurodeputato tedesco afferma che l'UE sarebbe più forte senza che tutti gli Stati membri debbano essere d'accordo.

Così Sergey Lagodinsky, eurodeputato Verdi/ALE:  "La situazione che stiamo vedendo ora mostra che possiamo raggiungere l'unità contro una minaccia straniera, ma allo stesso tempo che questa unità è molto fragile. E dipende da qualcuno come Orban, che è un alleato della Russia, che non segue tutte le misure e dove abbiamo altri problemi, come i problemi di democrazia, mette davvero l'Unione europea in una situazione molto difficile e possiamo superarla solo se ci liberiamo di questa regola dell'unanimità".

L'ultima volta che i paesi dell'UE hanno accettato cambiamenti importanti è stato nel 2007, dopo il Trattato di Lisbona.