This content is not available in your region

A Bruxelles c'è un accordo sull'energia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
A Bruxelles c'è un accordo sull'energia
Diritti d'autore  Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2022 The Associated Press

Il vertice dell'Unione europea è stato molto più lungo e teso del previsto. I capi di Stato e di governo stavano cercando di trovare il modo di contenere l'aumento vertiginoso dei prezzi dell'energia. E c'era una netta divisione tra chi era a favore e contro l'intervento nel mercato dell'energia.

Alla fine è stato trovato un accordo per Spagna e Portogallo, che chiedevano un tetto temporaneo al prezzo dell'elettricità.

Ursula von der Leyen, presidente della CE: "La penisola iberica ha una situazione molto speciale. Lì il mix energetico è con un elevato carico di rinnovabili. Questo è molto positivo. E questo con pochissime interconnessioni. Abbiamo concordato un trattamento speciale che è possibile per la penisola iberica, in modo che essa possa far fronte a questa situazione molto specifica in cui si trovano".

Il primo ministro spagnolo, Pedro Sánchez, è stato uno degli esponenti più bellicosi. A un certo punto ha persino lasciato la sala riunioni. Tra le nazioni più riluttanti ad accettare le sue proposte c'erano i Paesi Bassi

Ma durante il vertice sono state prese altre decisioni. I leader europei vogliono che la Commissione negozi l'acquisto comune di gas in nome dei 27 Stati membri per poter ottenere prezzi migliori.

E c'è stato anche un accordo sulla necessità di aumentare i livelli di stoccaggio del gas in Europa prima del prossimo inverno.

Ursula von der Leyen, presidente della CE: "Il 75% del mercato globale del gasdotto è il mercato europeo. Quindi abbiamo un enorme potere d'acquisto. Pertanto, sono lieta che ora utilizzeremo il nostro potere di contrattazione collettiva. Invece di superarci l'un l'altro e aumentare i prezzi. Uniremo la nostra domanda" .

La guerra in Ucraina è una delle ragioni dell'aumento dei prezzi dell'energia. E tutti capiscono che l'Europa deve essere più autonoma e meno dipendente dal gas russo. Anche perché è una delle principali fonti di reddito per Mosca.