EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Dopo la terribile inondazione, in che condizioni è la rete fluviale belga?

Dopo la terribile inondazione, in che condizioni è la rete fluviale belga?
Diritti d'autore FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP
Diritti d'autore FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP
Di Jack Parrock
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Decine di morti e danni per miliardi di euro dopo le inondazioni in Belgio, quali sono i problemi della rete fluviale in Belgio?

PUBBLICITÀ

La terribile inondazione in Belgio che ha ucciso almeno 31 persone ha avviato un dibattito sui sistemi fluviali e sulle protezioni. Euronews ha incontrato un esperto idrologo in una delle città più colpite - Pepinster - che afferma che la posizione della città sulla confluenza la rendeva vulnerabile.

Così Benjamin Dewals - Idrologo presso l'Università di Liegi: "Da un lato c'è il fiume. Questo fiume è controllato da due grandi dighe che sono più a monte, circa 20 km a monte. E poi c'è l'affluente che è il fiume Hoëgne e questo affluente, è totalmente incontrollato. Non c'è niente da fare, il flusso è naturale su questo fiume".

Jack Parrock, Euronews: "Chiediamo a un esperto, cosa stia succedendo a questi sistemi fluviali? Cosa ci fanno i detriti proprio qui?"

Benjamin Dewals - Idrologo presso l'Università di Liegi: "Questi detriti, è probabile che creino alcuni tipi di dighe in alcuni punti. È probabile che danneggino il fiume, ad esempio tra i pilastri del ponte. E questo può cambiare completamente il flusso. Tende ad aumentare localmente la velocità del flusso che può portare all'erosione, al raschiamento e a danni aggiuntivi. Cosa che non è realmente incorporata negli attuali metodi standard di mappatura delle inondazioni".

Jack Parrock, Euronews: "Ma cosa devo succedere ? Cosa deve cambiare in posti come Pepinster per essere sicuro che questo genere di cose non succeda di nuovo?"

Benjamin Dewals - Idrologo presso l'Università di Liegi: "Quando la popolazione deve ricostruire o riparare, non avrebbe senso ricostruire come prima. È necessario considerare la resistenza alle inondazioni nel modo in cui si progettano gli edifici, nel modo in cui si progetta il quartiere e ciò dovrebbe comportare una riflessione con gli urbanisti che tengano pienamente conto di tali eventi che molto probabilmente si verificheranno più spesso in futuro".

In Belgio sta ora infuriando un dibattito sul fatto che le dighe come questa, a circa 26 km a monte del fiume, avrebbero dovuto immagazzinare così tanta acqua dietro di loro quando erano stati dati gli avvertimenti di forti piogge. Sono tenuti in alto per fornire acqua potabile in estate.

Gli esperti dicono che l'abbassamento del livello dell'acqua avrebbe avuto un effetto solo sulle città immediatamente sottostanti.

Gli attivisti per il clima avvertono che bisogna migliorare, di molto.

Lucy Gilliam - Responsabile delle politiche oceaniche e fluviali presso Trasporti e ambiente: "Molti cambiamenti climatici sono già presenti nel sistema. Abbiamo già immesso una quantità significativa di gas nell'atmosfera, quindi ora dobbiamo prepararci. Significa che dobbiamo pensare ad avere luoghi dove l'acqua può andare, quindi quando ottenere questa pioggia estrema che può penetrare nel terreno".

Mentre il lutto e la pulizia continuano, iniziano a essere formulati nuovi piani di controllo delle inondazioni a lungo termine.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, per la presidenza del Consiglio Ue Orban punta su Trump e sul cubo di Rubik

Francia, dalle Europee alle Politiche: gli elettori all'estero divisi dal voto ma uniti da Euro2024

António Costa verso la presidenza del Consiglio Ue, nonostante l'indagine sulla corruzione