EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Monica Queisser, Ocse: "La flessibilità nel lavoro è spesso un rischio"

Monica Queisser, Ocse: "La flessibilità nel lavoro è spesso un rischio"
Diritti d'autore 
Di Sophie Claudet
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sophie Claudet, euronews: “Monica Queisser, direttrice delle Politiche Sociali presso l’Ocse, grazie ancora per essere di nuovo con noi.

Sophie Claudet, euronews: “Monica Queisser, direttrice delle Politiche Sociali presso l’Ocse, grazie ancora per essere di nuovo con noi. La Germania non è l’unico paese in Europa a promuovere la flessibilità sul mercato del lavoro. Sta succedendo anche in altre parti d’Europa?”

Monica Queisser: “Ci sono stati diversi paesi che hanno riformato il loro mercato del lavoro con una maggiore flessibilità. Uno di questi paesi è l’Italia, con il “Jobs Act”, che ha cercato di rendere più facile per i cosiddetti “outsider” entrare nel mercato del lavoro. Attualmente anche in Francia sono in corso riforme e un dibattito sulla flessibilità nel lavoro. Molti di questi paesi stanno cercando di aiutare sia le persone che sono rimaste fuori del mercato da molto tempo a rientrare nel mercato stesso e ad incentivare i datori di lavoro ad assumere più facilmente.”

euronews: Spesso questo ha portato a una nuova classe di lavoratori poveri..”

Monica Queisser: “Esiste il rischio che il numero di lavoratori poveri aumenti a seconda delle modalità delle varie politiche. Abbiamo visto che in Germania i lavori precari e la flessibilità hanno portato ad una situazione in cui sono aumentati i lavoratori poveri, guadagnandosi un secondo posto per salari bassissimi dopo gli Stati Uniti e tra i paesi dell’Ocse. I governi devono prestare attenzione regolando la qualità dei posti di lavoro e assicurandosi che le persone siano ben pagate, che ci siano adeguati salari minimi. La Germania ha appena introdotto un salario minimo, affrontando il problema del precariato.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ricca Germania, poveri tedeschi

Che cosa la Francia ha imparato dagli attentati del 2015

La transizione energetica al centro della campagna elettorale in Germania