EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Francia, il divieto dei voli a corto raggio ha davvero ridotto le emissioni?

Aerei parcheggiati sulla pista dell'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, a Roissy, vicino a Parigi.
Aerei parcheggiati sulla pista dell'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, a Roissy, vicino a Parigi. Diritti d'autore AP Photo/Christophe Ena
Diritti d'autore AP Photo/Christophe Ena
Di Rosie Frost
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il divieto di voli a corto raggio in Francia: il regolamento è stato molto discusso ed è in vigore da poco più di un anno

PUBBLICITÀ

Lo scorso giugno, la Francia ha formalmente introdotto un divieto sui voli nazionali a corto raggio nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio.

In teoria, il regolamento proibisce i voli quando esiste un'alternativa ferroviaria di meno di 2,5 ore. All'epoca i detrattori dissero che la misura era poco incisiva, prendendo di mira pochissime rotte e non includendo i voli in coincidenza. L'industria aeronautica ha reagito sostenendo che il regolamento è ingiusto.

Quindi, a poco più di un anno dalla sua introduzione, che impatto ha avuto finora il divieto di volo domestico a corto raggio in Francia?

Il divieto di volo nazionale in Francia ha ridotto le emissioni?

Prima dell'introduzione del divieto, la Direzione Generale dell'Aviazione Civile francese (DGAC) stimava che il nuovo regolamento avrebbe potuto ridurre fino a 55.000 tonnellate di emissioni - il 2,6% delle emissioni totali dei voli nazionali in Francia all'anno.

L'impatto apparentemente minimo della misura sulla riduzione delle emissioni di gas serra è stato alla base di un ricorso contro la legge da parte dell'Unione degli aeroporti francesi all'inizio di quest'anno, che ha sostenuto si trattasse di un "abuso di potere".

Il ricorso è stato respinto dal Consiglio di Stato, che ha stabilito che il divieto "è in grado di contribuire a breve termine alla riduzione delle emissioni nel settore del trasporto aereo".

A più di un anno dalla sua introduzione, tuttavia, non esistono ancora dati ufficiali sulla riduzione delle emissioni ottenuta direttamente grazie al divieto.

L'unica informazione di cui si dispone, secondo il responsabile dell'aviazione francese per l'organizzazione no-profit Transport & Environment Jérôme du Boucher, riguarda le emissioni complessive dei voli nazionali dello scorso anno.

Nel 2023 sono diminuite del 3,4% rispetto al 2022, mentre a livello internazionale sono aumentate.

Passeggeri all'aeroporto Charles de Gaulle a Parigi
Passeggeri all'aeroporto Charles de Gaulle a ParigiAP Photo/ Thomas Padilla

"Questo dimostra che in generale i voli nazionali in Francia sono diminuiti e che il divieto di volo a corto raggio contribuisce a questo risultato - spiega Jérôme de Boucher - In che proporzione? È difficile dirlo. Quello che possiamo dire in modo più qualitativo è che allo stesso tempo, nel 2023, la compagnia ferroviaria nazionale SNCF ha recuperato il suo livello di attività".

Se mettiamo questo dato in parallelo con i voli nazionali - dice de Boucher - il tasso di viaggi e attività commerciali non è tornato ai livelli pre-Covid. Sembra quindi che si sia verificato un cambiamento, in modo più generale e non solo sui voli specifici coperti dal divieto.

Il divieto sarà in vigore per almeno tre anni, dopodiché il governo francese ne valuterà l'impatto prima di prendere nuove misure.

Non solo dati sulle emissioni

"Sembra essere poco efficace in termini di emissioni di CO2, ma è buona come misura politica, come atto legislativo", afferma de Bouchard.

La legge è stata molto discussa in Francia e la sua effettiva attuazione, in qualsiasi forma, è un segnale per la gente. Secondo de Bouchard, questo fa sì che le persone prendano in considerazione ciò che i francesi chiamano "sobriété" o moderazione: vale davvero la pena di prendere questi voli per lavoro o per piacere?

"Ha un effetto reale sul modo in cui le persone si comportano e considerano questo mezzo di trasporto".

Una recente indagine nazionale della DGAC sui passeggeri aerei ha chiesto alle persone cosa farebbero se il loro viaggio non fosse possibile in aereo. Per i voli nazionali, il 41% ha dichiarato che avrebbe utilizzato un altro mezzo di trasporto.

Non solo, aggiunge de Bouchard, ma apre le porte e la possibilità di una maggiore regolamentazione. La Spagna, ad esempio, sta progettando di introdurre un divieto simile per i voli a corto raggio quando esistono alternative ferroviarie inferiori alle 2,5 ore.

Se un Paese si impegna in una regolamentazione di questo tipo e questa viene approvata dalla Commissione europea, diventa più facile per gli altri Paesi dell'Ue prendere in considerazione l'idea di rilanciare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europa centrale e meridionale soffocata dal caldo torrido, il Nord Italia colpito dal maltempo

Francia, crisi climatica: per gli agricoltori uno dei peggiori raccolti di grano degli ultimi anni

Il Ppe chiede alla Commissione europea di rallentare sul Green Deal