EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Francia: gatto investito da treno in stazione, Sncf a processo

Il gatto è scappato dal trasportino alla stazione di Montparnasse a Parigi
Il gatto è scappato dal trasportino alla stazione di Montparnasse a Parigi Diritti d'autore  Canva
Diritti d'autore  Canva
Di Angela Symons
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

"Ho visto Neko correre sotto il treno... È stato così violento", ha detto la proprietaria sotto choc

PUBBLICITÀ

Un gruppo di animalisti ha intentato una causa penale contro l'operatore ferroviario nazionale francese Sncf per aver permesso a un treno di partire nonostante il personale sapesse che ci fosse un gatto domestico sui binari.

Il gatto è stato investito ed è morto.

L'incidente, avvenuto a gennaio alla stazione di Montparnasse a Parigi, ha lasciato i proprietari dell'animale sotto choc.

"È difficile da superare", ha dichiarato la proprietaria del gatto, Georgia, a 30 Millions d'Amis, la fondazione che ha portato in tribunale l'operatore ferroviario.

Lunedì 19 giugno è stato aperto un procedimento penale a Parigi: la Sncf è accusata di "aver inflitto danni involontari a un animale domestico", con una potenziale multa di 450 euro.

Tuttavia, 30 Millions d'Amis ha chiesto che il reato venga innalzato ad "aver causato intenzionalmente la morte di un animale", che comporta una pena molto più severa, che va da una multa di 75.000 euro a un massimo di cinque anni di reclusione.

Gli attivisti per i diritti degli animali hanno inscenato proteste per l'incidente e avviato una petizione online intitolata "Giustizia per Neko" che finora ha raccolto più di 33.000 firme.

Come ha fatto un gatto domestico a venire travolto da un treno?

Georgia si trovava in stazione con la figlia quindicenne Melaïna a gennaio quando il loro gatto Neko è scappato dal trasportino per rifugiarsi sotto un TGV fermo al binario.

Le proprietarie hanno supplicato il personale di ritardare la partenza del treno, ma, secondo quanto riferito, si sono sentite rispondere "che non è un nostro problema, è solo un gatto e avreste dovuto tenerlo al guinzaglio".

Un altro membro del personale ha cercato di aiutarle, ma dopo 20 minuti di tentativi, il treno ha lasciato la stazione, uccidendo Neko che era ancora sui binari.

Cosa dice Sncf sull'incidente?

Sncf ha dichiarato che il gatto non era visibile quando il treno è partito e che il personale non poteva essere sicuro che fosse ancora sui binari. Solo una volta che il treno si è mosso il gatto è diventato visibile, ha aggiunto in un'email inviata a Euronews Green.

L'operatore ferroviario ha anche sottolineato i pericoli che si corrono scendendo sui binari, che sono elettrificati, sostenendo di essere rammaricato "per questo triste incidente", ma ha aggiunto che "è severamente vietato scendere sui binari, il che avrebbe messo in pericolo la vita delle due viaggiatrici o dei nostri agenti".

Anche stare troppo vicini al bordo della banchina comporta il rischio di collisione con un treno. "L'effetto esplosione legato alla velocità di passaggio dei treni può far cadere anche una persona che si trova a meno di 1,50 m dai binari", ha precisato Sncf.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Ne abbiamo abbastanza!": rabbia e commozione alla marcia per Nahel

In 90 milioni di case nell'Ue ci sono animali domestici: come ridurne l'impatto ambientale?

In Svezia la "slow tv" fa impazzire gli spettatori, natura e animali ripresi in diretta