EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Berlino mira ad obiettivi climatici più ambiziosi: si può fare lo stesso nelle altre capitali?

People cross the shopping street Friedrichstrasse in central Berlin.   -
People cross the shopping street Friedrichstrasse in central Berlin. - Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Di Rosie Frost
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il 26 marzo i residenti di Berlino hanno votato se anticipare l'obiettivo di neutralità climatica della città al 2030

PUBBLICITÀ

Il 26 marzo i residenti di Berlino votano se anticipare l'obiettivo di neutralità climatica della città al 2030: il referendum deciderà se l'attuale obiettivo del 2045 verrà anticipato di 15 anni.

Berlino, come il resto della Germania, mira a ridurre le emissioni nette di carbonio del 95% entro il 2045: gli scienziati e gli attivisti del clima ritengono che non sia abbastanza presto, ma ritengono che il Paese avrà già superato il suo budget di carbonio entro il 2031.

Il gruppo ambientalista "Klimaneustart Berlin" o Climate Reset Berlin ha avviato il referendum per portare avanti l'obiettivo della città per la neutralità del carbonio.

Con il supporto di gruppi ambientalisti locali, del motore di ricerca verde Ecosia e di Fridays for Future, spera di rendere legalmente vincolante l'obiettivo del 2030.

Cosa potrebbe significare il referendum per Berlino?

In caso di successo, il referendum potrebbe anche rendere più forte l'impegno, sostituendo parole come "obiettivo" con un linguaggio più deciso come "dovere": una mira intermedia di riduzione delle emissioni del 70% potrebbe anche essere anticipata dal 2030 al 2025.

I critici affermano che il costo stimato per anticipare la data è di parecchi miliardi di euro: ritengono che cambiamenti come la ristrutturazione degli edifici e la riduzione dei veicoli privati porterebbero via finanziamenti da altre aree come l'istruzione.

Se un numero sufficiente di persone voterà Sì, tuttavia, le autorità di Berlino dovranno accettare l'emendamento alla legge e presentare un piano per raggiungere la neutralità climatica entro questa data.

AP Photo/Markus Schreiber
Climate activists shout slogans during a protest in front of the ministry for economy and climate in Berlin.AP Photo/Markus Schreiber

Perché i governi debbono portare avanti obiettivi di neutralità climatica?

Il recente rapporto di sintesi dell'IPCC ha esortato più governi a portare avanti i loro impegni di neutralità climatica.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha affermato che le Nazioni ricche devono "impegnarsi a raggiungere lo zero netto il più vicino possibile al 2040", premendo un "pulsante di avanzamento rapido sui loro obiettivi: questo può essere fatto, alcuni hanno già fissato un obiettivo già nel 2035”.

L'anno scorso, il panel intergovernativo ha anche affermato che un numero crescente di città stava fissando obiettivi di neutralità climatica ma, ha avvertito, potrebbe raggiungere il pieno potenziale climatico solo affrontando le emissioni oltre i propri confini.

Quali capitali europee puntano alla neutralità climatica entro il 2030?

Diverse altre capitali europee hanno già obiettivi di neutralità climatica per il 2030: il sindaco Sadiq Khan ha fissato l'obiettivo per Londra di raggiungere lo zero netto nel 2020.

Il piano prevede l'installazione di più pompe di calore nelle case, l'isolamento degli edifici, la riduzione dei viaggi in auto e la riduzione del numero di auto a benzina e diesel sulle strade.

Lo scorso anno, la Commissione europea ha anche annunciato una missione per rendere 100 città del blocco climaticamente neutre entro il 2030: si tratta di fornire finanziamenti a questi centri metropolitani per ricercare innovazioni nei trasporti puliti, nell'efficienza energetica e nella pianificazione urbana.

Più di 100 città hanno sinora aderito all'iniziativa, comprese capitali come Parigi, Stoccolma, Roma ed Helsinki: Berlino non sarà nella missione se il referendum avrà successo, ma diverse altre città in Germania ne fanno già parte.

E la capitale danese Copenaghen punta ancora più in alto, avendo fissato il suo obiettivo di neutralità climatica al 2025, il che la renderebbe la prima città climaticamente neutra. 

Questi piani hanno però incontrato alcuni ostacoli: infatti, un progetto di incenerimento di rifiuti di punta non è riuscito a ottenere finanziamenti per la tecnologia di cattura del carbonio.

Aggiornamento: Il referendum è fallito a causa dell'ostacolo del 25%: sebbene non tutti i seggi elettorali fossero stati conteggiati, mancavano ancora circa 200.000 voti per il necessario quorum di 607.000 voti. 

Una ristretta maggioranza di elettori aveva comunque votato a favore del referendum.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Popolazione: 8 miliardi sulla Terra, l'impatto sul cambiamento climatico

Cop27, Guterres: "Il cambiamento climatico è la sfida centrale del nostro secolo"

Quando finirà quest'ondata di calore in Europa?