EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Clima: dimezzare le emissioni per il 2030, metà della popolazione è a rischio

Immagini di inondazioni
Immagini di inondazioni Diritti d'autore AP Photo/Fareed Khan, File
Diritti d'autore AP Photo/Fareed Khan, File
Di Gioia Salvatorieuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il gotha degli scienziati del clima sotto l'egida dell'Onu (Ipcc) emettere il sesto rapporto intergovernativo: agire a difesa del clima in questo decennio o sarà troppo tardi

PUBBLICITÀ

L'umanità è in bilico su una sottile lastra di ghiaccio che si sta sciogliendo rapidamente. Con questa metafora il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha commentato il rapporto stilato dopo anni di studio dal gotha degli scienziati esperti di cambiamento climatico al lavoro sotto l'egida delle Nazioni Unite. 

Il gruppo intergovernativo Ipcc ammonisce la politica: bisogna dimezzare le emissioni per il 2030, questo decennio è fondamentale. Il testo è stato approvato da 195 Paesi ed è una guida per i governi, "una guida alla sopravvivenza dell'umanità" l'ha definito Antonio Guterres. Ma la relazione è anche una dura ammonizione. "Il ritmo e la dimensione di ciò che è stato fatto negli ultimi cinque anni e i piani attuali sono insufficienti per affrontare il cambiamento climatico", mettono nero su bianco gli esperti.

La bomba climatica sta ticchettando, possiamo disinnescarla ma serve uno scatto in avanti
Antonio Guterres
Segretario generale delle Nazioni Unite

Energia elettrica senza carbone né gas nei Paesi industrializzati in 12 anni

L'Onu spinge perché l'energia elettrica nei Paesi industrializzati sia generata senza usare carbone né gas entro il 2035 e che i Paesi più poveri siano carbon free per il 2040. I fondi ci sono se scatta una sinergia tra pubblico e privato. D'altronde più la terra si surriscalda più sarà difficile tornare indietro scrivono gli esperti.

Clicca qui per leggere l'intero rapporto Ipcc

Negli ultimi 10 anni i morti per siccità e tempeste si sono moltiplicati per 15

Gli esperti di clima dell'Ipcc nella sintesi per i decisori politici del "6/o Rapporto di valutazione" avvertendo che "in questa decade un'azione accelerata di adattamento ai cambiamenti climatici è essenziale. "Quasi la metà della popolazione mondiale vive in aree altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici. Negli ultimi 10 anni il numero dei morti per siccità, nubifragi e uragani è stato 15 volte più alto" e pure l'Europa rischia un aumento di morti e persone a rischio per di stress da calore. Così gli esperti di clima dell'Ipcc. Definiscono "essenziale" in questa decade un'azione accelerata "di adattamento ai cambiamenti climatici". Come? Tagliando subito le emissioni di gas serra in tutti i settori al fine di dimezzarle entro il 2030.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In Spagna è iniziata la stagione degli incendi boschivi

Perché una città spagnola vuole che i ciclisti siano assicurati

Crisi climatica, minaccia da alluvioni e siccità un europeo su otto: oltre 5mila morti dal 1980