Musica: a 40 anni dalla morte di Marvin Gaye la scoperta di decine di brani inediti

Il musicista Marvin Gaye scomparso il 1 aprile 1984
Il musicista Marvin Gaye scomparso il 1 aprile 1984 Diritti d'autore AP Photo/Nancy Kaye
Diritti d'autore AP Photo/Nancy Kaye
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Marvin Gaye visse a Ostenda, in Belgio, per 18 mesi dal 1981. L'artista soggiornò nella casa della famiglia Dumoulin lasciando costumi di scena, quaderni e musicassette

PUBBLICITÀ

Quarant'anni dopo la tragica e prematura morte del musicista Marvin Gaye, ucciso dal padre il primo aprile del 1984, la scoperta in Belgio di decine di nastri per un totale di 66 brani inediti.

L'artista statunitense visse a Ostenda, in Belgio, per 18 mesi nel 1981, un anno dopo è proprio lì che scrisse la sua canzone più famosa Sexual Healing.

A pochi giorni dall'anniversario della morte di Gaye, è stata la Bbc a rivelare che una parte considerevole della sua produzione potrebbe proprio essere rimasta nascosta per decenni, conservata dalla famiglia del musicista Charles Dumolin, con il quale Marvin aveva convissuto durante il suo soggiorno a Ostenda. 

Cosa dice la legge belga

Una legge belga prevede che qualsiasi oggetto posseduto per più di trent'anni, anche se rubato, diventa di proprietà di chi lo detiene. Ma non si applica alla proprietà intellettuale. Alex Trappeniers, avvocato belga e socio della famiglia Dumolin, potrebbe ritrovarsi proprietario dei nastri fisici su cui è stata registrata la musica, senza il diritto di pubblicare le canzoni. Agli eredi di Marvin Gaye andrebbe invece il diritto teorico di sfruttare la musica ma senza possedere fisicamente i nastri.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Blurred Lines" un plagio da Marvin Gaye. Risarcimenti da 7 milioni di euro

Record Store Day 2024: quali sono le uscite da tenere d'occhio?

"The Tortured Poets Department" di Taylor Swift: la recensione di Euronews Cultura