Compreresti opere d'arte su WhatsApp? Artisti e collezionisti cercano nuovi modi per scambiare arte

Image
Image Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Jaime Velazquez
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre 200 gallerie e più di 350 importanti collezionisti si riuniscono ad Arco, la più grande fiera d'arte spagnola, giovani creatori e curatori indipendenti trovano nuovi formati per avvicinarsi al pubblico interessato ma che rimane al di fuori dei circuiti convenzionali

PUBBLICITÀ

Arco, la più grande fiera d'arte della Spagna, torna a Madrid per la sua 43esima edizione con oltre duecento rinomate gallerie nazionali e internazionali e trecentocinquanta collezionisti invitati che in questi giorni visiteranno i padiglioni del quartiere fieristico alla ricerca di una cotta per uno dei pezzi esposti all'evento.

Gli acquisti ad Arco sono solitamente monopolizzati da fondazioni, istituzioni pubbliche, aziende o grandi collezionisti d'arte con un potere d'acquisto sufficiente a pagare fino a 3,3 milioni di euro per un Miró, 2,5 milioni per un Picasso o poco più di un milione per una scultura di Chillida.

Ma oltre alle grandi gallerie e alle grandi cifre gestite da Arco, gli artisti emergenti e i nuovi collezionisti sono alla ricerca di nuovi modi e luoghi per vendere e acquistare arte.

Acquistare arte tramite WhatsApp

Manuel Sánchez-Blanco, ingegnere di professione, ha appena acquistato un'opera di Arturo Méndez. Ma non l'ha fatto in una galleria, bensì in un'asta via WhatsApp.

"Non ho accesso al mondo dell'arte o ai dipinti di artisti emergenti, e la verità è che è un modo per conoscere le opere e avervi accesso in modo più divertente, dinamico e anche a buon prezzo", ha spiegato a Euronews.

L'artista Nacho Vergara, fondatore del progetto, ha inizialmente creato i "subwhatsapp" per una campagna di raccolta fondi. "Quasi un anno fa ho creato il gruppo Whatsapp per promuovere una campagna Kickstarter per autopubblicare un catalogo per una mostra. Per contribuire al finanziamento, mi è venuta l'idea di mettere all'asta una delle mie opere attraverso il gruppo, iniziando l'asta da zero, e alla fine è stata venduta per 375 euro", ha ricordato Vergara. 

"Alla fine la campagna Kickstarter non ha funzionato, ma mi è rimasto un gruppo Whatsapp di 200 persone interessate all'arte. Non sapevo esattamente cosa volessi fare con quel gruppo, ma mi era chiaro che dovevo trasformarlo in qualcosa". 

Da allora, il gruppo Whatsapp è cresciuto fino a contare cinquecento persone che ogni settimana seguono le aste delle opere di un artista diverso. I "subwhatsapp" hanno venduto attraverso questo canale innovativo opere di artisti dal futuro promettente come Diocles Laime Montaño, Jacobo Alcalde, Marta Qin o Kimberley Martin Humphrey.

Per gli artisti, le aste WhatsApp sono diventate un veicolo per entrare in contatto con nuovi acquirenti d'arte che spesso rimangono ai margini del circuito delle gallerie e delle fiere, ma anche per promuovere il proprio lavoro.

Nuovi modi di vendere l'arte

"Da qualche anno Instagram è diventato la forma di esposizione più utilizzata. A volte è un mezzo di vendita, ma spesso funziona come lettera di presentazione. In diversi casi persone che non hanno preso il pezzo all'asta mi hanno scritto per acquistare l'opera separatamente dall'artista", ha spiegato Vergara a Euronews.

Il successo del subwhatsapps, ha sottolineato il suo fondatore, risiede nella fiducia degli acquirenti nella selezione delle opere e degli artisti. "Una delle più grandi paure delle persone che acquistano arte è che, come dicono loro stessi, non capiscono l'arte. Nella maggior parte dei casi hanno assolutamente ragione. Capire l'arte è molto complesso", ha aggiunto Vergara.

Una delle grandi paure delle persone quando acquistano arte è che, come dicono loro stessi, 'non capiscono l'arte'
Nacho Vergara
Fondatore dei "subwhatsapp"

"Io, essendo un pittore e vedendo quadri tutti i giorni, ho l'occhio allenato per capire a colpo d'occhio cosa è bello, cosa è buono e cosa è mediocre. Il mio compito è quindi quello di scegliere artisti che, in primo luogo, realizzino buoni dipinti e, in secondo luogo, abbiano una comprovata esperienza nel mondo dell'arte. Faccio le mie ricerche in modo che i collezionisti, che io chiamo Subwhatseños, siano rassicurati dal fatto che ciò che ricevono è di qualità e ha un controllo dietro".

La "gamification" dell'arte

Le aste, sia in formato virtuale che fisico, hanno guadagnato popolarità tra un pubblico per il quale anche il processo di acquisto fa parte dell'esperienza artistica. Anche i giovani che si affacciano al collezionismo d'arte chiedono spazi lontani dalle gallerie convenzionali, spesso a loro estranee.

Antonio Yera, formatosi a Londra presso la casa d'aste Chrtistie's, ha deciso di fondare Maza art solo due anni fa, una casa d'aste adattata alle nuove esigenze del compratore.

"Le nostre aste hanno elementi tradizionali, come il banditore, le palette, il leggìo, gli incrementi d'asta... Ma poi tutto si svolge in modo molto più dinamico e divertente. Invece di stare sedute con un atteggiamento molto serio, qui le persone stanno in piedi, bevono un vino, una birra, un gin tonic, e c'è un'atmosfera molto più rilassata", ha spiegato il fondatore di Maza a Euronews.

Molti dei collezionisti, o del pubblico che viene alle aste di Maza, sono interessati sia all'arte contemporanea che offriamo sia all'esperienza che circonda l'intero evento, ovvero l'asta stessa.
Antonio Yera
Fondatore di Maza art

Maza organizza un'asta ogni due mesi, ogni volta in uno spazio diverso e solo su invito, dove viene allestita una "galleria pop-up" in cui i partecipanti possono vedere le opere disponibili. All'ultima edizione, che ha coinciso con Arco, hanno partecipato più di cento persone.

"Si tratta di nuovi collezionisti che finora si erano un po' persi nel mondo dell'arte contemporanea e non sapevano nemmeno dove andare ad acquistare il loro primo pezzo, quindi noi glielo rendiamo molto facile", ha spiegato Yera. 

Alcune delle opere messe all'asta, ha sottolineato Yera, sono aumentate di valore del 300 per cento nel corso dei mesi, ma molte delle persone che partecipano agli eventi di Maza non vengono con l'idea di acquistare arte come investimento.

PUBBLICITÀ

"Sono alla ricerca di pezzi unici da portare a casa o per ampliare la propria collezione in modo da distinguersi. Molti acquistano qui la loro prima opera come collezionisti, e in questo senso ha un valore tale che probabilmente non la venderanno mai", ha aggiunto Yera.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna, da anni producevano e vendevano falsi di Banksy: quattro arresti

Spagna, il governo pensa a ridurre l'orario di apertura dei ristoranti. Contrari gli operatori

Spagna: a Madrid gli uffici sfitti diventeranno case da abitare