Tutto quello che c'è da sapere sul Festival del cinema di Berlino 2024

Anteprima della Berlinale 2024
Anteprima della Berlinale 2024 Diritti d'autore IMAGO/Nicole Kubelka/Berlinale
Diritti d'autore IMAGO/Nicole Kubelka/Berlinale
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La 74ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino si apre oggi e durerà fino al 25 febbraio. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla Berlinale di quest'anno.

PUBBLICITÀ

Questo mese ci aspetta un periodo intenso a Berlino. Quella di quest'anno sarà l'ultima Berlinale guidata dai direttori uscenti Carlo Chatrian e Mariette Rissenbeek. È un vero peccato, perché entrambi i direttori artistici ed esecutivi sono riusciti a superare la tempesta Covid e a dimostrare le loro capacità per questo ruolo.

Per questa ultima edizione, però, saranno ancora ben occupati e non solo dal punto di vista artistico. Chatrian e Rissenbeek hanno dovuto gestire il caos legato alla rappresentazione dell'AfD, partito di estrema destra e la presa di posizione indiretta contro le autorità iraniane causata dall'inclusione di uno dei film in concorso, ma anche le tensioni geopolitiche date dalla crisi in corso in Medio Oriente. Durante il festival rischiano infatti di esserci proteste legate alla guerra tra Israele e Hamas, e di recente i lavoratori della Berlinale hanno chiesto un "cessate il fuoco immediato" a Gaza, oltre a una "leadership istituzionale più forte" da parte della Berlinale.

"Vogliamo chiedere al festival e a noi stessi di rispettare uno standard più alto", si legge nella loro dichiarazione, in cui si critica quella che secondo i lavoratori della Berlinale è la mancanza di opportunità di dibattito sul conflitto nel programma del festival di quest'anno. "Non siamo testimoni di iniziative che invitino i professionisti e/o il pubblico a uno spazio di discussione dedicato", si legge nella dichiarazione.

Parlando invece di cinema, i 20 titoli in lizza per l'Orso d'Oro di quest'anno sono eclettici e includono diversi progetti guidati da star e alcuni film d'essai. Ecco i titoli del Concorso che attendiamo con ansia.

Un'altra fine

Another End
Another EndBerlinale

Il regista italiano Piero Messina ha messo insieme un cast da capogiro per il suo nuovo film, in cui Gael García Bernal interpreta un uomo a cui muore la moglie e Renate Reinsve una donna che affitta il suo corpo, nel quale vengono temporaneamente impiantati la memoria e la coscienza dell'ex moglie. Non vediamo l'ora di vedere come Messina affronterà i temi delle nuove tecnologie e forse dell'intelligenza artificiale in questa storia d'amore futuristica, e di scoprire come verrà trattato il tema del lutto.

Tè nero

Black Tea
Black TeaBerlinale

Il film di Abderrahmane Sissako racconta la storia di Aya, una donna della Costa d'Avorio che dice "no" il giorno del suo matrimonio. Decide di emigrare in Cina, dove si innamora di Cai, proprietario di una boutique di tè. Speriamo di vedere una storia di scontri e incontri culturali e di superamento dei pregiudizi, ma soprattutto in una storia d'amore che ci farà innamorare.

La Cocina

La Cocina
La CocinaBerlinale

Il nuovo film del regista messicano Alonso Ruizpalacios, La Cocina, racconta una storia d'amore ambientata nella cucina di un ristorante di Manhattan, The Grill. Rooney Mara interpreta una cameriera americana di nome Julia che si lega sentimentalmente al principale sospettato di un furto, un cuoco messicano senza documenti di nome Pedro (Raúl Briones). Considerando i precedenti di Ruizpalacios, ci sono tutte le ragioni per aspettare con impazienza di vedere questo film.

Un uomo diverso

A Different Man
A Different ManBerlinale

Amiamo Renate Reinsve. Davvero. E lo stesso vale per la Berlinale, visto che quest'anno è protagonista di due titoli del Concorso: il già citato Another End e A Different Man di Aaron Schimberg. A Different Man racconterà la storia di Edward, aspirante attore che si sottopone a un intervento chirurgico radicale per trasformare drasticamente il suo aspetto. Ma il suo nuovo volto da sogno si trasforma rapidamente in un incubo quando perde il ruolo per cui è nato. Reinsve recita accanto a Sebastian Stan. Stando alle voci del Sundance , entrambi gli attori sono perfetti nel ruolo.

L'impero

The Empire
The EmpireBerlinale

Il francese Bruno Dumont ha realizzato un film di fantascienza ambientato in un villaggio di pescatori nel nord della Francia_. L'Impero_ racconta la nascita di un bambino speciale, così unico da scatenare una guerra segreta tra extraterrestri... Con l'aggiunta di alcune spade laser di Star Wars. Non sappiamo cos'altro dire, se non consigliarvi di guardare il trailer qui sotto e ringraziare la Berlinale per aver incluso una buona dose di assurdità nel Concorso.

La mia torta preferita

My Favourite Cake
My Favourite CakeBerlinale

Un titolo di rilievo in Concorso quest'anno è My Favourite Cake dei registi iraniani Maryam Moghaddam e Behtash Sanaeeha. La loro ultima collaborazione è stata lo splendido Ballad Of A White Cow, presentato in anteprima al Festival di Berlino nel 2021. E se questa nuova proposta è altrettanto forte dal punto di vista emotivo, sarà una vera e propria delizia. My Favourite Cake racconta la storia di una donna di 70 anni che decide di uscire dalla sua routine solitaria e di dare una scossa alla sua vita sentimentale, in un Paese in cui i diritti delle donne sono fortemente limitati. Questo film ha già suscitato un certo scalpore, poiché si ritiene che le autorità iraniane siano state irritate dal film, impedendo addirittura ai due registi di viaggiare.

Il fatto che la Berlinale abbia scelto questo film in Concorso manda un messaggio forte, poiché il festival è noto per le sue inclinazioni politiche e per dare spazio alle voci che affrontano l'oppressione politica.

Pepe

Pepe
PepeBerlinale

Un ippopotamo morto che parla. Ecco la premessa del film Pepe, del regista Nelson Carlos De Los Santos Aria. Si tratta di uno degli "ippopotami della cocaina", appartenuti al boss del traffico di stupefacenti Pablo Escobar, che alla sua morte furono lasciati liberi all'interno della sua proprietà. Nel 2019 la popolazione di ippopotami era arrivata fino a circa un centinaio di esemplari, il che costituiva una minaccia per la flora e la fauna, oltre che per la popolazione umana della zona.

Piccole cose come queste

Small Things Like These
Small Things Like TheseBerlinale

Il film di apertura di quest'anno è diretto da Tim Mielants, autore di Peaky Blinders, ed è basato sul libro 2021 dell'autrice irlandese Claire Keegan. In questo film ambientato nell'Irlanda degli anni '80, Cillian Murphy interpreta il ruolo di un padre devoto che scopre inquietanti verità sulle Magdalene Laundries, gli orribili manicomi gestiti da istituzioni cattoliche romane che si dice ospitino "donne decadute". Fanno parte del cast anche Ciaran Hinds ed Emily Watson.

Il bagno del diavolo

The Devil's Bath
The Devil's BathBerlinale

Il genere horror non trova spesso spazio nelle selezioni ufficiali del Concorso. O almeno, un tempo era così. La coppia di registi Veronika Franz e Severin Fiala, che con il loro secondo film Goodnight Mommy hanno realizzato uno degli horror più memorabili e sorprendenti dell'ultimo decennio, presentano Il bagno del diavolo. Ambientato in Austria a metà del 1700, il film racconta la storia di una giovane donna che decide di mettere in discussione il suo posto nella vita del marito. Nelle note stampa si legge che "un atto radicale sembra essere la sua unica via d'uscita".

Le esigenze di un viaggiatore

A Traveler's Needs
A Traveler's NeedsBerlinale

Non sarebbe una Berlinale senza un altro film di Hong Sangsoo... Il prolifico regista sudcoreano è stato premiato per tre anni di fila: il suo film del 2020 , The Woman Who Ran, ha vinto l'Orso d'argento per la migliore regia; nel 2021, Introduction ha ottenuto l'Orso d'argento per la migliore sceneggiatura; nel 2022, The Novelist's Film si è aggiudicato l'Orso d'argento del Gran Premio della Giuria. A questo punto, sembra che il regista sia sponsorizzato dal festival. Sebbene la sua partecipazione al Concorso sia prevedibile (e secondo alcuni addirittura stancante, considerando che il posto sarebbe potuto andare a un nuovo regista bisognoso di visibilità), c'è la possibilità che la giuria finisca per assegnare a Hong Sangsoo l'Orso d'oro. A Traveler's Needs racconta la storia di un'insegnante francese, interpretata da Isabelle Huppert, che prende come allievi due bambini coreani.

**Il Festival di Berlino si svolge dal 15 al 25 febbraio. Seguitelo su Euronews Cultura.
**

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinema, il premio Lux del Parlamento Europeo al film tedesco "La sala professori"

Gli elettori Gen Z al centro delle elezioni europee: un progetto creativo per ispirare i giovani

Taylor Swift entra nella classifica dei miliardari di Forbes: chi altro c'è nella lista?