EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

"Questo non è un film": le riprese del regista Valentyn Vasyanovych sotto le bombe

Il regista Valentyn Vasyanovych durante l'intervista.
Il regista Valentyn Vasyanovych durante l'intervista. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Cristiano TassinariEuronews Cult
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Apprezzato cineasta, in concorso a Venezia nel 2021 con "Reflection", ora Valentyn Vasyanovych sta riprendendo per le strade di Kiev pezzi di vita (e di storie personali), sotto i missili. russi sulla sua Ucraina. "Ma non è per fare un film. Questo non è un film, purtroppo", dice

PUBBLICITÀ

Sono immagini girate qualche giorno fa in Ucraina, a Irpin, vicino a Kiev, dal regista Valentyn Vasyanovych e pubblicate sul Facebook del suo produttore Vladimir "Volodya" Yatsenko.

La vita quotidiana, per così dire, degli ucraini: le bombe che cadono, la gente che fugge, i soldati che aiutano...

Il regista e i suoi collaboratori hanno portato in salvo le loro famiglie prima di tornare a casa, a Kiev, e continuare a svolgere il loro lavoro. 

"Vivo tra Kiev e una casa residenziale fuori della capitale", spiega Valentyn Vasyanovych, in collegamento video.  
"Spesso, io, Volodya e gli altri ragazzi usciamo in auto, facendo attenzione, e filmiamo quello che accade, semplicemente immortalando gli eventi, non per usarli in qualche film, ma perché la gente possa poi utilizzarli come pezzi della loro storia, come testimonianza e ricordo di quanto sta accadendo. Questo non è un film."

Euronews
Valentyn Vasyanovych in collegamento da Kiev.Euronews

Nei suoi film precedenti, come in "Reflection" (titolo originale: "Vidblysk"), presente nella selezione ufficiale a Venezia lo scorso anno, il regista aveva raccontato l'invasione russa nel Donbass e un altro film, "Atlantis", è ambientato nell'Ucraina del 2025, un futuro nemmeno così lontano. 

In ogni caso, stavolta la realtà ha superato la finzione. 

Racconta Valentyn Vasyanovych: 
"Va cosi: la mattina ho un tipo di emozioni, la sera un altro tipo. Quando c'è il sole e il cielo è blu mi sento pieno di speranza e ottimismo, credo nella vittoria. Ma la sera tutto si accumula, le notizie non sono sempre buone. Ci sono molti rapporti che dicono che le nostre forze armate stanno vincendo e conservando il territorio. Ma ci sono anche notizie che ti distruggono il morale: un gran numero di vittime tra i civili, bambini e donne. Le notizie che arrivano da Mariupol, Kharkiv, Bucha, Irpin e altre città...".

Joel C Ryan/2021 Invision
Altri tempi. Valentyn Vasyanovych al Festival di Venezia. (6.9.2021)Joel C Ryan/2021 Invision

Come in un diario, Valentyn Vasyanovych e i suoi collaboratori filmano, giorno per giorno, scene che sembrano uscite da un film catastrofico.

Senza filtro e senza messa in scena, solo la realtà.

Ma questo non è un film. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Oscar 2022, vince “I segni del cuore”. Schiaffo di Will Smith al conduttore

Berehove, un angolo di apparente quiete in Ucraina. Il centro della minoranza ungherese

Ucraina, in fuga da Irpin, la città strategica a nord di Kiev. Storie di paura ma anche di speranza