EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il terrorismo generatore delle belle arti?

Il terrorismo generatore delle belle arti?
Diritti d'autore 
Di Paolo Alberto Valenti
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

New York ricorda con la mostra “Rendering the Unthinkable: Artists Respond to 9/11” l'attacco alle Torri gemelle

PUBBLICITÀ

L’arte ricorda gli attacchi al World Trade Center di New York. Il 9/11 Memorial and Museum ospita la mostra “Rendering the Unthinkable: Artists Respond to 9/11 che espone le opere di 13 artisti di New York indelebilmente toccati dalla catastrofe che ha inaugurato il secolo.

ALICE GREENWALD direttrice del 9/11 MEMORIAL AND MUSEUM: “L’arte rende quell’immediatezza della verità emotiva di quel momento e lo si vede attraverso gli occhi di un’altra persona e la pratica della sua arte, il modo in cui hanno elaborato le emozioni che abbiamo vissuto tutti”.

La mostra include 840 dipinti che la narratrice visiva newyorchese Manju Shandler ha assemblato in un’opera da 3000 pezzi intitolata “Gesture” e in cui ogni pezzo corrisponde ad una delle 3000 vittime degli attacchi dell’11 settembre.

MANJU SHANDLER, artista : “Rimasi sconvolta e spaventata, sopraffatta come la maggior parte dei newyorchesi. Pochi giorni dopo sono tornata al mio studio, non ricordo nemmeno quel che stavo facendo, ma ho iniziato questo. Ho avuto l’idea di fare una pittura per ognuna delle persone decedute. In quel momento non avevamo idea di quante persone sarebbero morte.”

L’artista Gustavo Bonevardi ha osservato il collasso delle torri da casa sua. Cosi’ ha dipinto “Falling,”.

GUSTAVO BONEVARDI, artista: “L’immagine dei fogli che fluttuavano nello spazio è quello che ognuno ha visto mentre le torri ardevano, tutto attorno questo bellisimo cielo blu cristallino e le pagine che aleggiavano liricamente nello spazio, una immagine bella. Sembravano quasi la metafora delle anime delle persone o le memorie perdute, qualcosa di veramente sorprendente”

Chissà se il silenzio delle vittime parla ancora attraverso questa rassegna nata dal tragico e lucido affondo di due aerei che come un coltello nel burro hanno tagliato via il Novecento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov

In mostra alla Saatchi Gallery il volto mutevole della fotografia di moda

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti