EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il boom degli sport da combattimento, trainati da streaming e piattaforme social

Il boom degli sport da combattimento, trainati da streaming e piattaforme social
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La tecnologia sta cambiando il modo in cui i fan di tutto il mondo possono godersi i combattimenti. Ne abbiamo parlato con Chatri Sitoytong, presidente di One Championship, un'organizzazione di arti marziali miste, kickboxing e muay thai

PUBBLICITÀ

Ufc e One Championshop sono le due organizzazioni di arti marziali al vertice del settore. Stando agli ultimi dati sulla capitalizzazione di mercato valgono entrambe miliardi di dollari. La Ufc di Dana White, con sede a Las Vegas, ha una capitalizzazione di mercato di 10 miliardi di dollari, mentre One Championship è valutata 1,4 miliardi di dollari. Questa popolarità si estende anche ad altri marchi, come Bellator e la Professional Fighters League. Oggi la principale sfida per questi marchi riguarda il modo in cui guardiamo i contenuti. I servizi di streaming e le piattaforme dei social media sono diventati il campo di battaglia che deciderà il futuro del settore. Secondo alcune stime nel mondo sono circa 300 milioni i fan delle arti marziali miste.

La popolarità è massima in Paesi come Stati Uniti, Regno Unito, Brasile, Singapore e Cina. Le persone che praticano questo sport sono sempre di più. L'anno scorso, solo negli Stati Uniti, il mercato delle palestre di arti marziali è cresciuto fino a raggiungere un valore stimato di 9 miliardi di dollari. Chatri Sityodtong è presidente e amministratore delegato di One Championship. Abbiamo parlato con lui della crescita del settore di come la tecnologia stia contribuendo a rendere queste organizzazioni sportive a prova di recessione.

Euronews
Chatri Sityodtong, presidente e amministratore delegato di One ChampionshipEuronews

"I millennial e la generazione Z vivono col telefono in mano, tra TikTok, Instagram e Facebook - dice Sityodtong -. Sul telefono la pallina da tennis e la palla da basket non si vedono bene. Lo stesso vale per le partite di calcio e la Formula 1. Sono eventi troppo lunghi o non si riesce a vedere fisicamente la palla. Ma una ginocchiata volante o un calcio da ko si vedono bene. Contenuti di breve durata, in diretta, ecco cosa sono gli sport da combattimento: tre round e poi l'incontro successivo. È possibile scegliere i lottatori che si vogliono vedere e la durata è ridotta. Non è necessario dedicargli ore del proprio tempo. È un contenuto facilmente fruibile. Gli eventi di scala globale coinvolgono i fan in tutto il mondo. Alcuni mesi fa, in occasione di un singolo evento, eravamo al primo posto su Twitter negli Stati Uniti e a livello globale. Nello stesso weekend eravamo al primo posto su DouYin e Sina Weibo, che sono i Facebook, Instagram e TikTok della Cina. Lingue e culture diverse, eppure siamo riusciti, in un solo fine settimana, a unire entrambi i Paesi. Un Paese con oltre un miliardo di abitanti e uno con trecentocinquanta milioni. Questo è il potere del digitale e dello sport".

Una crescita enorme, guidata da marchi globali e dallo streaming. Ma anche se un numero sempre maggiore di persone si dedicano a sport come il Jiu-Jitsu, Boxe e Muay Thai, c'è spazio per realtà imprenditoriali più piccole? Il nostro inviato Ryan Capperauld ha incontrarato in Qatar esperti di arti marziali che stanno costruendo un business attorno a una passione condivisa.

Euronews
Una palestra di arti marziali miste a DohaEuronews

La palestra di arti marziali miste del Qatar a Doha è uno dei maggiori centri della disciplina nella regione. Come lavorano palestre come questa? "Ogni giorno c'è molto da fare. Teniamo molti corsi di Jiu Jitsu, Muay Thai e arti marziali miste, anche per i bambini - dice Samuel Canereiro, un istruttore di arti marziali miste -. In questa palestra abbiamo organizzato alcune gare amatoriali, con tutte le protezioni necessarie naturalmente. Ho fatto combattere qui anche un paio di miei studenti. Quando a combattere sono dei diciottenni, vengono a vederli tutti i loro compagni di scuola, a volte anche i loro insegnanti. Gli piace vedere i loro amici combattere e vincere, e questo porta sempre più persone. Penso che le arti marziali miste possano solo crescere, soprattutto in Medio Oriente, perché è uno sport nuovo, come lo era in Brasile e come lo era negli Stati Uniti all'inizio. Ora è arrivato qui, bisogna pur iniziare da qualche parte".

Qual è il futuro delle arti marziali miste? Questo sport può davvero diventare uno dei più importanti al mondo?  Ron Westfall del Futurum Group ci ha spiegato che lo streaming potrebbe essere la chiave per l'espansione di questo sport in tutto il mondo. "Prevediamo un'impennata della vendita di abbonamenti fatti di pacchetti negli Stati Uniti - dice Westfall -. La metà dei nuovi abbonamenti allo streaming include già dei pacchetti, ad esempio quello formato da Disney ed Espn. Credo che questo sia foriero di ulteriori sviluppi. Penso che vedremo più pacchetti, che includeranno sicuramente lo sport: non solo sport statunitensi, ma mondiali".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

In Bolivia spopola l'antica architettura Cholet (con un tocco pop)