EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Uzbekistan sogna un nuovo Rinascimento

L'Uzbekistan sogna un nuovo Rinascimento
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Paese punta sul suo vasto patrimonio culturale per attirare più turisti. Tashkent ha ospitato una settimana di conferenze e mostre tematiche, riunendo, secondo gli organizzatori, oltre mille partecipanti e ospiti provenienti da 60 Paesi

PUBBLICITÀ

L'Uzbekistan immagina un "nuovo rinascimento", ispirandosi al suo ricco patrimonio culturale. Una settimana di conferenze e mostre tematiche a Tashkent ha riunito, secondo gli organizzatori, oltre mille partecipanti e ospiti provenienti da 60 Paesi. Ad ospitare l'evento la Società mondiale per lo studio, la conservazione e la divulgazione dell'eredità culturale dell'Uzbekistan (Woscu).

"Con l'apertura del Paese al mondo, si è formata una comunità di scienziati provenienti da vari Paesi, che mostrano un vivo interesse per l'esplorazione del patrimonio culturale dell'Uzbekistan - dice Firdavs Abdukhalikov, presidente di Woscu -. I risultati dei loro studi vengono presentati ogni anno durante la Settimana del patrimonio culturale".

La storia dell'Uzbekistan come crocevia lungo la "Grande Via della Seta" ha prodotto una vasta collezione di manufatti: tesori di arti applicate, musica e abiti tradizionali, libri scritti a mano e architetture monumentali. Oggi questo patrimonio ispira i moderni artisti uzbeki, che spaziano dai dipinti d'avanguardia alla cinematografia.

"Il patrimonio culturale è il marchio distintivo dell'Uzbekistan sulla scena internazionale - dice Kamola Akilova, direttrice della Galleria di Belle Arti dell'Uzbekistan -. Il nostro patrimonio è ampio e diversificato, affonda le sue radici nell'antichità e ha abbracciato vari periodi storici, tra cui l'epoca achemenide e quella antica, l'alto Medioevo, il periodo islamico e il XX secolo, che ha visto la fusione di influenze orientali e occidentali."

L'Uzbekistan spera che il crescente riconoscimento del suo patrimonio attiri sempre più visitatori dall'estero. L'anno scorso più di cinque milioni di turisti hanno visitato il Paese, che sta investendo in nuove destinazioni turistiche e infrastrutture, un altro tema importante delle conferenze di Tashkent.

"Questo avrà un impatto, creerà molte attrazioni turistiche da vedere - dice Bulut Bağcı, presidente dell'Istituto del Forum Mondiale del Turismo -. Se l'Uzbekistan continuerà a lavorare così sul turismo, ne sono sicuro al 100%: 20 milioni di turisti non sono un sogno, possono diventare una realtà".

La popolazione dell'Uzbekistan è aumentata di un terzo negli ultimi 14 anni, superando i 36 milioni di persone. Con l'aumento dei bambini nel Paese, la modernizzazione del sistema educativo diventa fondamentale. Alla conferenza si è parlato della necessità di nuove scuole e programmi educativi che soddisfino gli standard internazionali.

L'Uzbekistan punta a un "nuovo rinascimento" nella cultura e nell'istruzione, basato su innovazione tecnologica, sviluppo economico sostenibile e un ambiente economico favorevole.

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Elezioni Uzbekistan, Mirziyoyev stravince con l'87% dei voti

Elezioni in Uzbekistan, il trionfo annunciato di Mirzioev