Germania, Habeck: "Dobbiamo aumentare la spesa militare per essere in grado di difenderci"

Germania, Habeck: "Dobbiamo aumentare la spesa militare per essere in grado di difenderci"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Olivia Stroud
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il vicecancelliere tedesco ospite di The Global Conversation: "Non voglio spendere soldi in eserciti e armamenti: è meglio spenderli per l'istruzione e la ricerca. Ma dobbiamo farlo"

La Germania ha promesso di raggiungere la neutralità climatica entro il 2045. Dopo un periodo di crescita lenta, il Paese ha lottato per contenere l'inflazione: Berlino è in grado di bilanciare le politiche economiche e climatiche? Ne abbiamo parlato con Robert Habeck, vicecancelliere tedesco e ministro dell'Economia e della Protezione climatica.

Qual è la posta in gioco per la Germania nelle elezioni europee di giugno?

Per la Germania è importante che l'Europa si impegni ad essere europea, a crescere insieme. Il mercato interno è molto importante per l'economia tedesca. A questo si aggiunge il mercato interno dell'energia, creato negli ultimi anni. Questa è la visione tedesca come Paese economico ed energetico in Europa. Come europeo, devo dire che è molto importante che l'Europa diventi un'entità politica e riconoscibile. Al momento il confronto globale si sta svolgendo tra Russia, Stati Uniti e Cina. Non è certo che l'Europa abbia un ruolo in questo contesto. Se ci dividiamo e non agiamo insieme, le principali decisioni geopolitiche saranno prese sopra le nostre teste. Poiché l'Europa è fondamentalmente un continente di democrazia liberale, le decisioni saranno prese contro o perlomeno senza considerare i nostri valori. Gli aspetti economici, gli aspetti di politica energetica e di politica climatica, sono tutti importanti. Ma, in ultima analisi, l'Europa deve restare una forte unione di democrazie liberali all'interno della comunità globale. Il futuro del mondo non si deciderà nella competizione tra Germania e Francia, o Danimarca e Paesi Bassi, o Svezia e Finlandia. Il futuro del mondo si deciderà nella competizione tra Stati Uniti, Cina ed Europa, India e forse Russia. Gli Stati devono riconoscere di avere un ruolo da svolgere in Europa e accettarlo. Lo stesso vale per le regole europee, le sovvenzioni, i regolamenti per il sostegno economico, le procedure di approvazione, la politica estera e anche la capacità, per quanto sia difficile per me dirlo, di un'industria europea delle armi. Dobbiamo affrontare questa consapevolezza. Se consideriamo l'Europa come un'alleanza non vincolante di 27 Stati e non la dotiamo di una finalità, affermando he l'unificazione europea deve essere portata avanti, allora non saremo competitivi a livello globale.

La Germania sta affrontando una crisi economica e il potere d'acquisto è diminuito. Come possiamo uscirne?

La Germania è stata colpita in modo particolare per due motivi. Avevamo una forte dipendenza dall'energia russa. Oltre il 50% del gas e il 55% del carbone, ma anche il petrolio, provenivano dalla Russia. Quindi non c'è da stupirsi che l'economia tedesca sia stata particolarmente colpita. Dopo tutto, ha dovuto firmare nuovi contratti. La situazione è diversa in Spagna, nel Regno Unito o in Danimarca. La Germania è anche un Paese esportatore. Dipendiamo quindi dal mercato globale e l'economia globale è debole. Anche la Cina ha problemi economici. Questo sta colpendo la Germania molto più duramente di altri Paesi.

Ma stiamo lottando per uscirne. Abbiamo garantito la sicurezza energetica, abbiamo ridotto i prezzi dell'energia, l'inflazione sta scendendo, i tassi di interesse presto scenderanno di nuovo e gli investimenti riprenderanno. E l'economia globale si riprenderà. Allora anche il Paese avrà superato questo periodo di debolezza.

Come si può risolvere la carenza di manodopera in Germania?

Innanzitutto, abbiamo bisogno di immigrazione. Non si tratta di un'intuizione nuova. Ma per troppo tempo i partiti politici conservatori hanno detto: "No, no, non ne abbiamo bisogno". In secondo luogo, dobbiamo integrare meglio le persone che sono già qui nel mercato del lavoro. Questo riguarda in particolare i giovani che non hanno qualifiche o titoli professionali. Questo ha a che fare con il sistema educativo e con il sistema di formazione continua. Le do delle cifre: ci sono 2,6 milioni di tedeschi tra i 20 e i 35 anni che non hanno qualifiche professionali. E questo è un problema politico. Non è il problema di un singolo a cui dire: "Devi solo impegnarti di più". Troppe persone falliscono perché magari sono dislessiche o hanno problemi con la matematica. Ma potrebbero essere bravi artigiani o essere portati per l'assistenza infermieristica. Lo stesso vale per la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Nei Paesi di lingua tedesca - Svizzera, Austria, Germania - la situazione è peggiore rispetto alla media europea e molto peggiore che in Scandinavia. Manca ancora un'infrastruttura di assistenza all'infanzia che permetta di conciliare famiglia e carriera. Anche questo è un compito politico. In terzo luogo, direi che in una società che invecchia abbiamo anche bisogno di lavorare più a lungo. Chi vuole lavorare più a lungo dovrebbe essere autorizzato a farlo.

La spesa militare in Europa è aumentata in modo significativo. Quali sono le conseguenze per l'economia?

La gente non ha visto, o non ha voluto vedere, quello che Putin sta facendo, quanto sta rafforzando le sue forze armate. Non voglio spendere soldi in eserciti e armamenti. È meglio spenderli per l'istruzione, per la ricerca, per la formazione, per la protezione del clima e i criteri di sostenibilità. Ma dobbiamo farlo. Il tempo in cui non vogliamo farlo è finito. Dobbiamo aumentare la spesa militare per essere in grado di proteggerci. E per essere in grado di fornire una garanzia di protezione in Europa. Non dobbiamo vedere gli americani come garanti, dobbiamo diventare meno dipendenti. La spesa per la difesa è aumentata negli ultimi due anni perché abbiamo dato un grande sostegno all'Ucraina. A mio avviso, però, deve essere stabilizzata per il mantenimento dell'esercito europeo e almeno di quello tedesco, in modo che siano in grado di fare qualcosa.

Secondo un rapporto dell'Agenzia Europea per l'Ambiente, l'Ue non è preparata al cambiamento climatico. Cosa pensa di fare per cambiare questa situazione?

Prima di tutto si tratta di limitare il più possibile il riscaldamento globale. Si tratta di rallentare la curva, di contenerla in modo tale che le persone possano adattarsi. Per essere in grado di sopravvivere a questo grande cambiamento. Come organismo, cioè come organismo biologico, ma anche come coesione sociale, come comunità sociale. Questo significa che dobbiamo rendere le nostre città più resistenti alle ondate di calore e alla pioggia. Dobbiamo rendere l'agricoltura più sostenibile. Abbiamo bisogno di serbatoi d'acqua nelle regioni aride. Dobbiamo rivedere la gestione dell'acqua. Abbiamo bisogno di misure di protezione delle coste, di grandi investimenti.

Cosa bisogna fare per accelerare la transizione energetica dell'Europa? Cosa significa per l'industria e le persone?

Nel prossimo mandato della Commissione Europea, è necessario ridurre la burocrazia nell'espansione delle energie rinnovabili. Se si legge la Direttiva sulle Energie Rinnovabili, penso che ci stiamo complicando la vita. Non so se tutto debba essere regolato in modo così meticoloso e dettagliato. Se vogliamo davvero fare progressi dobbiamo essere più pragmatici e meno burocratici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: l'AfD cerca di prendere le distanze dalle accuse di propaganda russa

Ecco perché la posizione del cancelliere tedesco Olaf Scholz è diventata un problema per l'Ucraina

Germania, presentato piano contro gli estremisti di destra