Ucraina, Charles Michel: "Dobbiamo spendere di più per la difesa"

Ucraina, Charles Michel: "Dobbiamo spendere di più per la difesa"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Shona Murray
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente del Consiglio europeo ospite di The Global Conversation: "Dobbiamo adattare il nostro modello economico e investire molto di più nell'industria della difesa per proteggere la nostra stabilità e sicurezza"

Se l'Unione europea non aumenterà il suo sostegno all'Ucraina gli europei potrebbero essere in pericolo ? L'Unione è stata indebolita dalla sua mancanza di unità su Gaza? Ne parliamo con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Il 46% degli elettori afferma di volere meno influenza da parte delle istituzioni europee, del Consiglio europeo, della Commissione e più potere per i governi nazionali. Perché pensa che sia così? Pensa che questo rappresenti una sorta di fallimento da parte delle istituzioni, una mancanza di percezione di ciò che fanno?

No, non sono sorpreso. Ma d'altra parte, molte persone in tutta l'Unione europea sanno, ad esempio, che se dobbiamo fronteggiare una pandemia, la risposta arriverà dall'Unione europea, così come in caso di crisi energetica, inflazione o sfide legate al cambiamento climatico. Abbiamo bisogno di maggiore cooperazione e coordinamento a livello europeo. È un errore cercare di opporre i governi nazionali all'Unione europea. Se abbiamo Stati membri forti, se abbiamo un'Unione europea forte, allora sarà positivo per tutti i cittadini dell'Unione europea.

A proposito della questione della pace in Europa: lei ha detto ieri che se non diamo all'Ucraina un sostegno sufficiente per fermare la Russia, noi saremo i prossimi. Lo abbiamo sentito spesso negli ultimi due anni, ora se ne parla di nuovo. Abbiamo sentito, ad esempio, il ministro della Difesa spagnolo dire che non crede che la gente si renda conto del grave pericolo che stiamo correndo in questo momento. Perché lo dice? Quali prove ha?

Per prima cosa devo dire la verità alla gente. L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia è una sfida enorme. Non è una sfida solo per gli ucraini, è una sfida per tutti noi, per tutti coloro che credono nei principi democratici fondamentali. Sono assolutamente convinto che questa sia una minaccia seria. Ritengo che abbiamo fatto e stiamo facendo ciò che è necessario. Abbiamo deciso immediatamente, insieme, di sostenere l'Ucraina e di sanzionare la Russia per fare pressione. Ma questo non è sufficiente. Dobbiamo fare di più. Dobbiamo agire rapidamente. Ed è per questo che, ancora una volta, cerchiamo di fare passi concreti per fornire più equipaggiamento militare e più sostegno finanziario all'Ucraina e per fare più pressione sulla Russia. È necessario se crediamo nella pace, nella sicurezza e nella prosperità, che sono le premesse dei padri fondatori di questo progetto europeo.

Ma lei sta andando molto oltre. Lei chiede un'economia di guerra, la mobilitazione di tutti i settori dell'economia in Europa. Si tratta di un cambiamento fondamentale nella struttura delle società.

Sì. E ha ragione nel dire che vorrei che facessimo di più. Se osserviamo gli ultimi decenni, il progetto di Unione europea è stato costruito sull'idea che abbiamo valori comuni e che dobbiamo cooperare per una maggiore prosperità. Tutti noi capiamo che dobbiamo adattare il nostro modello economico. Dobbiamo investire molto di più nell'industria della difesa per proteggere la nostra stabilità e sicurezza.

Perché parla di economia di guerra ora? Perché la situazione in Ucraina è in fase di stallo e non è previsto alcun guadagno significativo per l'Ucraina nel prossimo anno?

Da un lato penso che sia molto positivo che l'Ucraina sia riuscita a resistere, ma non è sufficiente che sia riuscita ad ottenere un maggiore controllo nel Mar Nero. Questo è molto importante. Non ne parliamo molto, ma da un punto di vista strategico è importante. Allo stesso tempo oggi non è un segreto che la Russia sia in una posizione più forte dal punto di vista militare, in termini di munizioni ed equipaggiamento militare. Per questo c'è questo senso di urgenza. Dobbiamo fornire più attrezzature militari. Ora, non tra due anni. Sarebbe troppo tardi. Ed è per questo che sosteniamo concretamente, ad esempio, l'iniziativa ceca. Plaudo alla decisione delle autorità ceche di proporre a molti altri Paesi di acquistare insieme attrezzature militari, in modo da poterle consegnare rapidamente all'Ucraina.

Vorrei passare ad un'altra questione importante, ovvero la situazione in Medio Oriente. Parte del suo ruolo di Presidente del Consiglio europeo è quello di creare consenso su questioni complesse tra gli Stati membri dell'Unione. In questo momento stiamo assistendo a scene piuttosto strazianti a Gaza, a seguito della risposta di Israele al brutale attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre. Ora sentiamo dire che la fame viene usata come metodo di guerra - lo ha detto Josep Borrell - c'è un enorme numero di vittime tra i bambini, mancano forniture mediche di base per le amputazioni. L'Unione europea è indebolita da questo? Ritiene siano usati due pesi e due misure? Che non ci sia tanta unità o simpatia per i palestinesi quanto per i civili israeliani e ucraini?

Siamo sempre più uniti a livello di Unione europea, ma dovremmo dire la verità. Subito dopo l'attacco di Hamas eravamo sulla stessa lunghezza d'onda nel condannare l'attacco. Non c'è dubbio che si tratti di un terribile attacco terroristico. Ma è stato difficile trovare una posizione unanime nel Consiglio europeo. Questo perché gli Stati membri hanno un proprio rapporto con Israele e con la Palestina. Hanno la loro storia. Ma l'importante è che stiamo facendo enormi progressi. Credo nel giro di pochi giorni ci mostreremo uniti con un messaggio molto forte basato su 2 o 3 pilastri fondamentali. Il primo è l'accesso umanitario. Nessun doppio standard. Ogni vita civile è importante. Deve essere chiaro. Ogni comunicazione da parte dell'Unione europea su questo argomento deve essere chiara, se vogliamo essere credibili a livello internazionale. Punto due: dobbiamo fare tutto il possibile per evitare un'ulteriore escalation regionale. Libano, Mar Rosso. È molto importante fare di tutto dal punto di vista politico e diplomatico. Punto tre: siamo pienamente a favore della soluzione dei due Stati: 27 Stati membri sono d'accordo senza alcuna ambiguità su questo.

Ritiene siano stati usati due pesi e due misure?

Sarò sincero: abbiamo gestito bene il Covid. Sul cambiamento climatico stiamo definendo gli standard e gli altri ci seguono. Siamo riusciti ad essere uniti e ad avere una posizione forte sulla guerra in Ucraina. Sul Medio Oriente accetto la critica secondo cui ci è voluto più tempo per trovare l'unità. All'inizio ci sono differenze tra gli Stati membri. Ma in poche settimane, pochi mesi, siamo stati in grado di fare progressi significativi. Questa è la giusta direzione. È vero che, quando ci sono state comunicazioni ambigue da parte della leadership dell'Unione europea, questo è stato sfruttato da Putin e dal Cremlino per alimentare l'idea della cosiddetta ipocrisia occidentale. Lavoro molto con i Paesi del Sudafrica, dell'America Latina e dell'Asia Centrale. Questi Paesi si aspettano chiarezza da parte dell'Unione europea, che promuoviamo ovunque il diritto internazionale e l'ordine basato sulle regole, anche in Medio Oriente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, le forze russe mettono a dura prova i limitati sistemi di difesa aerea ucraini

Germania: l'AfD cerca di prendere le distanze dalle accuse di propaganda russa

Guerra in Ucraina, Nato pronta ad aiutare Kiev con impegni a lungo termine