Perché gli eserciti europei faticano a reclutare soldati

Truppe di montagna "Gebirgsjaeger" Soldati della Bundeswehr partecipano a una cerimonia di giuramento a Monaco, Germania, giovedì 14 settembre 2023.
Truppe di montagna "Gebirgsjaeger" Soldati della Bundeswehr partecipano a una cerimonia di giuramento a Monaco, Germania, giovedì 14 settembre 2023. Diritti d'autore AP Photo/Matthias Schrader
Diritti d'autore AP Photo/Matthias Schrader
Di Giulia Carbonaro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Gli sforzi dei Paesi europei per rafforzare i loro eserciti di fronte alla crescente minaccia della Russia si sono scontrati con la riluttanza dei giovani europei a entrare nelle forze armate

PUBBLICITÀ

L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ha spinto i Paesi europei ad aumentare le spese militari e a rafforzare la propria difesa, nel tentativo di invertire la tendenza alla riduzione degli eserciti che si è verificata negli ultimi dieci anni. Un'intenzione che si è scontrata con la mancanza di reclute disposte a unirsi alle loro forze armate.

I Paesi europei registrano meno reclute

Nonostante i nuovi investimenti e la recente spinta al reclutamento, la Germania ha annunciato che il numero delle sue truppe è leggermente diminuito lo scorso anno. Il ministero della Difesa del Paese ha dichiarato all'inizio del mese che il suo esercito - la Bundeswehr - si è ridotto di circa 1.500 unità nel 2023, per un totale di circa 181.500 uomini e donne. Il piano della Bundeswehr prevede di aumentare i suoi ranghi a 203.000 uomini entro il 2031.

Anche il Regno Unito ha recentemente ammesso di avere difficoltà a trovare reclute: il ministero della Difesa ha dichiarato che nel 2023 i militari che hanno lasciato le forze armate sono stati 5.800 in più rispetto a quelli che si sono arruolati. Il Uk Defence Journal scrive che dal 2010 l'esercito britannico non ha raggiunto in nessun anno gli obiettivi di reclutamento.

"Il problema è comune a tutti i Paesi europei, compresi Francia, Italia e Spagna", ha dichiarato a Euronews Vincenzo Bove, professore di scienze politiche all'Università di Warwick nel Regno Unito. "Non credo che ci sia un solo Paese che ne sia risparmiato".

Secondo Bove, non è chiaro quando attirare nuove reclute sia diventato un problema per gli eserciti europei. "Da quanto mi risulta, è un fenomeno iniziato almeno dieci anni fa in Paesi come il Regno Unito", ha detto Bove. "Negli Stati Uniti è iniziato almeno venti anni fa". È certo che l'invasione russa dell'Ucraina ha aumentato la pressione sui Paesi europei affinché risolvano la questione. Ma perché i Paesi europei faticano a reclutare soldati?

I valori dei giovani sono cambiati

Secondo Bove, negli ultimi anni la distanza ideologica tra la società in generale e le forze militari si è ampliata. "Se si prende un campione casuale di giovani europei, questi sono ideologicamente molto lontani da un campione di soldati dello stesso Paese in termini di come vedono la società, le loro aspirazioni, ciò che vogliono fare", ha detto Bove. "E questa distanza sta crescendo nel tempo".

Bove ha ricordato che recenti sondaggi hanno dimostrato che i giovani civili sono in maggioranza contrari alle guerre, all'aumento delle spese militari e alle operazioni militari all'estero. Sono anche più individualisti e meno patriottici di coloro che prestano servizio nelle forze armate.

Sebbene non ci sia una spiegazione chiara del perché questo divario si stia ampliando, Bove ha detto che potrebbe essere legato alla fine del servizio di leva e al fatto che i giovani non sono più esposti alle forze armate, e la maggior parte di loro non conosce nemmeno qualcuno che lavora nelle forze armate.

La dottoressa Sophy Antrobus, ricercatrice presso il Freeman Air and Space Institute del King's College di Londra, si è detta d'accordo con Bove e ha dichiarato a Euronews che più le forze armate si riducono, meno i civili le vedono. "Nella maggior parte del Paese (il Regno Unito, ndr), non si vedono quasi persone in uniforme, non c'è quella consapevolezza dell'esercito come carriera disponibile".

Stipendio dei soldati poco attraente

Un'altra ragione è che lavorare nell'esercito è diventato un lavoro come un altro, ha detto Bove, e le forze armate sono in competizione con il settore privato per ottenere reclute - ma sono in svantaggio. "A causa delle sfide del settore militare, della qualità della vita, dei trasferimenti, degli incarichi internazionali, dell'incertezza e della possibilità di morire, è necessario pagare stipendi molto alti per convincere le persone a fare domanda e a unirsi alle forze armate", ha detto Bove. "Dato che non lo fanno, i giovani europei preferiscono accettare un lavoro nel settore civile".

Parlando del Regno Unito in particolare, Antrobus - che ha prestato servizio nelle Royal Air Forces per venti anni, anche in Iraq e Afghanistan - ha aggiunto che non ci sono stati molti investimenti nell'esercito e che lo stato degli alloggi per le forze armate "è piuttosto scadente".

"Anche i tempi di richiesta per entrare nelle forze armate sono piuttosto lunghi, e le giovani generazioni - soprattutto ora - si aspettano che le cose accadano rapidamente. Se nel frattempo si trova un lavoro nel settore pubblico, è un'opzione più interessante che aspettare che l'esercito ti offra una possibilità".

Il declino demografico

Le forze armate europee faticano a trovare potenziali candidati anche perché la popolazione del continente sta invecchiando e si sta riducendo. Bove sostiene che le dimensioni delle forze armate sono già diminuite per adattarsi a questo cambiamento: gli eserciti britannico, italiano e francese, ad esempio, sono ora "praticamente la metà di quelli di dieci o venti anni fa".

Un bacino di candidati più ridotto potrebbe significare per gli eserciti europei che la qualità delle reclute accettate potrebbe non essere all'altezza degli standard rigorosi che le forze armate hanno imposto per decenni, il che potrebbe a sua volta consentire l'ingresso di individui sospetti come i simpatizzanti neonazisti.

Secondo Antrobus, c'è anche un problema di "salute e forma fisica" dei giovani. Negli Stati Uniti, ha detto, "ci sono più persone nella fascia d'età trai 17 e i 24 anni che sono in gran parte non in forma, e l'obesità è un grosso problema. Se questa tendenza continua, gli eserciti non avranno nessuno da reclutare entro il 2035-2040".

Quale futuro per gli eserciti europei

Gli eserciti europei sono un po' in "modalità panico", ha detto Bove, mentre si affannano a trovare nuove reclute di fronte alla crescente minaccia di Mosca. "L'immigrazione potrebbe essere la risposta", ha detto Bove, sottolineando che Paesi come la Spagna, la Francia e il Portogallo stanno già considerando la possibilità per gli immigrati di arruolarsi nell'esercito e di ottenere la cittadinanza dopo alcuni anni di servizio.

"Probabilmente questa è la soluzione migliore", ha detto Bove. "Perché non si può costringere la gente a combattere per te e ad arruolarsi nelle forze armate, e la gente non accetterà il ritorno della coscrizione".

"È un problema intrattabile, a essere onesti", ha detto Antrobus. "Tutto parte dalla politica, dalla volontà e dall'interesse politico". Una soluzione al processo di reclutamento degli eserciti europei, ha detto Antrobus, comporterebbe cose come "rendere i servizi più attraenti, pagare un po' di più, certamente migliorare gli standard di vita. Ma tutto questo non è in cima all'agenda politica".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La coscrizione sta risorgendo in tutta Europa: è una buona cosa?

Ucraina, chi dice no alla guerra: la stretta di Kiev contro i disertori

Guerra in Ucraina: tre missili russi colpiscono la città di Chernihiv, almeno 14 morti e 61 feriti